“Spegni la luce, accendi Lucy”. Mai gioco di parole è stato più appropriato. Lucy è il primo esemplare di eliostato che entra nelle case delle persone; grazie allo specchio posizionato dentro una sfera trasparente, questo dispositivo è in grado di seguire il movimento del sole e di riflettere la sua luce all’interno di un appartamento o di un ufficio. Questo robot – che costa 199 dollari – sfrutta l’illuminazione naturale per “accendere” le stanze più buie. La campagna di preordinazioni lanciata su Indiegogo ha raccolto oltre 200mila dollari. E continua a convincere chi lo vuole finanziare.

Ma a dispetto del nome, Lucy è la protagonista di una storia tutta italiana. La mente del progetto, infatti, si chiama Diva Tommei. Nata a Roma 31 anni fa, Diva ha una laurea in biotecnologie, oltre a una grande passione per le soluzioni. Già, perché Lucy è figlia di una necessità: “Dopo la laurea mi sono trasferita a Cambridge per fare il dottorato in bioinformatica e ho iniziato subito a soffrire la scarsa presenza di luce solare, in più nel mio ufficio c’era una sola finestra e posizionata dal lato opposto rispetto alla mia scrivania”, racconta a ilfattoquotidiano.it. Come risolvere questo problema? Per Diva la soluzione arriva quando mette piede oltreoceano: “A metà del percorso di dottorato sono stata accettata dalla Singularity University di Mountain View per un progetto di quattro mesi e per la prima volta sono stata esposta alla tecnologia degli eliostati – ricorda -, e un’idea mi è balenata nella mente. Perché non seguire lo stesso principio per portare la luce nelle case delle persone?”.

“Sono stata accettata dalla Singularity University di Mountain View per un progetto e per la prima volta sono stata esposta alla tecnologia degli eliostati”

Già, perché di solito gli eliostati vengono usati solo nei campi solari e ogni pannello costa oltre 20mila euro: “Ho capito che potevo sfruttare la stessa tecnologia, ma ovviamente dovevo tenere conto di molti aspetti: un bel design, un prezzo ragionevole, la praticità”. Una volta tornata a Roma, Diva incontra Mattia Di Stasi e Alessio Paoletti (rispettivamente addetto al marketing e designer) e con il loro aiuto prova a risolvere una difficoltà alla volta: “Prima bisognava capire se esisteva un mercato per Lucy e poi c’erano i finanziamenti da trovare”, racconta.

Quando nel maggio 2015 fondano la loro start up, Solenica, capiscono subito che quello di trovare i fondi non sarà un compito facile: “In quel momento in Italia l’ecosistema delle start up stava nascendo, ma ovviamente si stava sviluppando intorno a prodotti software, quindi per noi era difficile trovare dei finanziamenti adeguati alla produzione di un prodotto fisico come Lucy”, ricorda.

“Questa è una difficoltà che abbiamo riscontrato a livello globale – aggiunge -, anche nella Silicon Valley il rapporto tra start up software e hardware è molto sbilanciato”. L’occasione giusta, però, non tarda ad arrivare. Il Qualcomm Robotics Accelerator di San Diego si fa avanti per finanziare il loro progetto e nel giro di quattro mesi Lucy diventa realtà.

“Anche nella Silicon Valley il rapporto tra start up software e hardware è molto sbilanciato”

E i risultati del crowdfunding parlano da sé: “Sicuramente sapevamo che la risposta sarebbe stata solida, perché prima di partire con la campagna abbiamo fatto delle accurate ricerche di mercato – spiega -, ma abbiamo intenzione di lavorare sodo per rafforzare ancora di più questo risultato”. La raccolta dei preordini si chiuderà in occasione del Maker Faire (14-16 ottobre, Fiera di Roma); poi si partirà con la produzione degli esemplari richiesti.

Quattro anni di duro lavoro, di cui ora stanno finalmente raccogliendo i primi frutti. Ma quando hanno capito che potevano farcela? “Sicuramente la prima volta che abbiamo portato il nostro prodotto nelle abitazioni dei tester selezionati – ricorda Diva -, il momento in cui Lucy porta il sole in una stanza buia è potentissimo, c’è un po’ di tutto – felicità, sorpresa, incredulità”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nuovi italiani, “sono romano de Roma. Ma per 21 anni sono stato straniero a casa mia”

next
Articolo Successivo

Volontariato, in mezzo a chi ha fatto dono dei propri ‘Fiori del bene’

next