News sempre più social. La settima ricerca di Innova et Bella posiziona Il Fatto Quotidiano tra le testate a più alto valore di “socialità”. Ricordiamo le due principali novità di quest’anno: l’introduzione di Instant Articles, grazie a cui milioni di utenti accedono alle news del sito attraverso una fruizione veloce senza spostarsi da Facebook. Altra novità fondamentale per la crescita è stato il lancio di una vera piattaforma Ugc (contenuti generati dagli utenti) con cui i nostri lettori possono raccontare le loro storie in autonomia: Fatto da Voi.

Ecco il dettaglio della ricerca Innova et Bella “Facebook top Newspapers 2016” e perché ha deciso di premiare la gestione social de Il Fatto Quotidiano con due posizioni in più nella classifica mondiale rispetto al 2015.


Lo scenario conferma ai primi posti di riferimento strategico La Repubblica, La Stampa e Il Fatto Quotidiano, quest’ultimo risulta al primo posto al mondo per indice di socialità: oltre 50 liker per copia diffusa

I principali quotidiani europei e statunitensi, a fronte di 26 milioni di copie diffuse fanno corrispondere comunità Facebook con oltre 100 milioni di liker su circa 1,5 miliardi di utenti attivi nel mondo.

Ai primi posti della classifica I&B dei quotidiani di riferimento strategico su Facebook si confermano The New York Times e USA Today, seguiti da Bild, The Wall Street Journal, ed El País.
Il Fatto Quotidiano si posiziona quest’anno al terzo posto della classifica nazionale di Innova et Bella, e al ventunesimo del ranking internazionale, con rating B+ guadagnando due posizioni rispetto al 2015. Sempre notevole il record  di 1 a 8 conquistato dal quotidiano nel rapporto fra liker e copie diffuse: con 1,9 milioni di liker (erano 1,7 milioni nel 2015) vanta 54 liker per copia diffusa.

Ecco la classifica completa delle testate internazionali più social

classifica-social

Tutti i dettagli della ricerca e la metodologia applicata le trovate qui.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Tromboni o ruffiani, noi giornalisti. Giuseppe D’Avanzo no

next
Articolo Successivo

Isis, perché l’Occidente non riesce a sconfiggerlo. Il libro di Corrado Formigli

next