Da qui a dicembre, il presidente del Consiglio Matteo Renzi infilerà una serie di spot da ingolfamento pubblicitario.

Nemmeno il tempo di annunciare la data del referendum che il premier ha innalzato le pensioni minime: per farlo ha scelto la platea di Del Debbio, il più bravo di tutti a intercettare un pubblico di pensionati.

Poi ha promesso di tagliare le tasse alle imprese, ha resettato le multe di Equitalia. E ha pure ripreso la boiata del ponte sullo Stretto. Con tanto di 100mila posti di lavoro. Un must berlusconiano che ogni tanto torna di moda: forse era il modo per Matteo di formulare al Cavaliere i migliori auguri di buon compleanno.

Sicuramente prima di domenica 4 dicembre il ragazzo ci riserverà altri colpi, colpi all’insegna della spesa pubblica. E da qui si può anche capire perché il premier italiano sta ingaggiando una battaglia con la Merkel, Hollande e Juncker sulla flessibilità dei conti. Se Renzi pensa di usare la leva della spesa pubblica per tirare a campare allora non ci siamo. La spesa pubblica alla Obama – tanto per citare un esempio a lui caro – è funzionale a un’idea di politica economica, è funzionale alla crescita. Non è funzionale alla corsa dei cento metri. E Renzi ormai dovrebbe saperlo dall’esperienza dei bonus elargiti senza un’idea di fondo. La riduzione delle tasse non serve per il 4 dicembre, serve perché le imprese devono mettersi nella condizione di stare sui mercati. Il taglio dell’Ires, così isolato, è sterile tanto quanto gli 80 euro.

Andare da Impregilo e rimasticare il Ponte sullo Stretto con tanto di promessa di 100mila posti di lavoro è un evidente spot elettorale. All’Italia non servono le grandi opere, servono le opere capillari perché la forza di questo Paese sta nel collegare quelle migliaia di realtà che rappresentano una risorsa. A che serve il ponte sullo Stretto quando per arrivare a Matera, perla unica, è un terno al lotto?

Rompere lo schema stupido del fiscal compact è doveroso. Ma solo se si ha un’idea di crescita. Altrimenti quella spesa in deficit sarà un altro giro a vuoto.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Italicum, Verdini tenta un Nazareno 2 con Renzi e Berlusconi: sì a premio di maggioranza, ma via il ballottaggio

next
Articolo Successivo

Berlusconi, intervista a Chi per gli 80 anni: “Mai appassionato dalla politica. Sono consapevole della mia età”

next