“La firma rappresenta semplicemente la fine del conflitto. Poi inizia il lavoro difficile: la ricostruzione del paese”. Con queste parole il presidente della Colombia, Juan Manuel Santos, ha annunciato l’accordo storico di pace con Rodrigo Lodrono, detto Timochenko, leader delle Forze Armate Rivoluzionarie della Colombia (Farc). La firma mette fine a 52 anni di scontri, omicidi e conflitti tra il governo di Bogotà e il movimento rivoluzionario fondato da Pedro Marin. Il contratto è stato siglato ieri a Cartagena, sulla costa settentrionale del Paese. All’incontro tra i due leader erano presenti 15 capi di Stato, 27 ministri degli Esteri, il segretario di Stato Usa John Kerry, i rappresentanti della Banca Mondiale, del Fmi, dell’Unione Europea, dell’Onu e dello Stato del Vaticano. Presenti anche l’Alto rappresentante, Federica Mogherini, e il segretario dell’Onu Ban-Ki Moon.

L’intesa è stato firmata con un “baligrafo“, una pallottola trasformata in una penna stilografica. Si tratta di un gesto simbolico che chiude 44 mesi di negoziati svolti all’Avana. L’accordo, ufficializzato ieri, era stato trovato lo scorso 25 agosto. L’organizzazione ora verrà smobilitata e diventerà un partito. Per l’occasione tutti i presenti erano vestiti di bianco. Timochenko dopo la firma  ha rilasciato una dichiarazione storica: “Chiedo perdono a tutte le vittime, per tutto il dolore che abbiamo causato con questa guerra”. Anche il segretario del’Onu Ban-Ki Moon ha voluto commentare l’evento: “Un onore essere presente nel momento in cui un popolo ha deciso di cominciare a sanare le sue ferite”. L’Unione Europea ieri dopo la firma ha tolto le Farc dalla lista delle organizzazioni terroristiche.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Usa 2016, Trump: “Darò la mia dichiarazione redditi quando Clinton diffonderà le mail cancellate”

next
Articolo Successivo

Maxi rissa con bastoni tra studenti: coinvolte più di cento persone in Cina

next