Era salpata dalla città di Kafr el Sheikh, nel Delta del Nilo, e si era inabissata al largo di Burg Rashid, villaggio della provincia egiziana settentrionale di Beheira. A bordo della nave c’erano oltre 600 migranti, riferiscono fonti della sicurezza, anche se altre testimonianze parlano di 450 passeggeri. Gli scafisti ne avevano poi aggiunti altri 50, provocando l’affondamento dell’imbarcazione.

Finora sono 162 i corpi recuperati. Altre 164 persone erano state tratte in salvo: tra loro, 117 egiziani e 43 stranieri, principalmente siriani e libici. A riferire il numero delle vittime  è stato il quotidiano al-Ahram, che cita autorità locali. Quest’anno sono circa 206.400 i migranti e i rifugiati che hanno varcato il Mar Mediterraneo, secondo l’Organizzazione internazionale per le migrazioni. Tra gennaio e giugno sono più di 2.800 le persone morte in mare, contro i 1.838 dello stesso periodo dello scorso anno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giordania, il Mar Morto salvato dalle acque del Mar Rosso

prev
Articolo Successivo

Venezuela, la denuncia di un pediatra: “Neonati in ospedale in scatole di cartone”

next