Un’ondata di attentati coordinati ha colpito la Thailandia provocando morti e feriti. In tutto sono esplose undici bombe a distanza di poche ore l’una dall’altra in cinque località costiere nel sud, tra cui le mete turistiche di Hua Hin e Phuket. Le bombe hanno provocato almeno quattro morti e una quarantina di feriti. Mentre continuano le indagini, le autorità di Bangkok – notoriamente timorose degli effetti sul turismo – hanno escluso l’ipotesi terroristica e in particolare il terrorismo islamico, preferendo parlare di “sabotaggio locale”.

“Ero a due metri dalla bomba, vicino alla signora che è morta. Sono stato fortunato”. Andrea Tazzioli è uno dei due italiani rimasti feriti nella doppia esplosione di ieri a Hua Hin, una delle maggiori mete turistiche a circa 200 chilometri a sud di Bangkok (leggi). Finora si tratta dell’attacco più grave, che è avvenuto in una via adiacente a un popolare mercatino turistico, due ordigni sono esplosi a venti minuti di distanza, causando un morto e oltre 20 feriti. “Festeggiavo il 51mo compleanno. Ero fuori, girato verso la strada. Il proprietario del bar mi ha chiamato dentro: in quel momento l’esplosione è avvenuta dietro me”, ha raccontato Tazzioli all’Ansa. L’uomo è stato colpito alla schiena da una scheggia, è stato operato d’urgenza e sta ora riposando nella sua camera d’ospedale. Le sue condizioni non desterebbero comunque preoccupazione. L’altro italiano rimasto ferito è un ragazzo di 21 anni, Lorenzo Minuti.

Ma è questa mattina che la strategia coordinata degli attacchi è diventata evidente. Di nuovo a Hua Hin, altri due ordigni vicino alla torre dell’orologio hanno causato un morto. Un’altra vittima thailandese si è registrata a Surat Thani, più a sud, dopo una cerimonia per il compleanno della regina thailandese Sirikit. E poi a Phuket, nella turistica zona di Patong, un ordigno minore è esploso causando un ferito, e altre bombe più piccole sono state identificate e disinnescate dalla polizia. Alla luce di questa serie di attacchi, va contata tra gli attentati anche l’esplosione di ieri pomeriggio in un mercato a Trang, nell’estremo sud, che ha causato un altro morto. Sia a Hua Hin sia a Phuket, le autorità hanno invitato i turisti a evitare le zone affollate. 

Finora non è arrivata nessuna rivendicazione. Un movimento separatista islamico è presente da oltre un decennio nell’estremo sud ed è responsabile di una guerriglia costata oltre 6 mila morti ma finora ha sempre colpito nelle quattro province dove è attivo e non ha mai mostrato nessun legame con il terrorismo islamico globale o con l’Isis. E’ possibile anche un movente politico, dopo l’approvazione della nuova Costituzione nel controverso referendum di domenica scorsa. Lo stesso premier Prayuth Chan-ocha ha indirettamente puntato il dito contro l’opposizione.

Il fatto che oggi sia l’84esimo compleanno della regina, e che i militari ora al potere siano i più strenui difensori della monarchia, rafforza l’ipotesi di attacchi simbolici per lanciare messaggi. Nell’attesa di fare chiarezza, la Thailandia è oggi in stato di allerta. Anche nel caso dell’attentato contro il santuario a Erawan un anno fa, che causò 20 morti (leggi), le autorità di Bangkok cercarono in tutti i modi di evitare la parola “terrorismo”. Nel Paese, che quest’anno registrerà oltre 30 milioni di arrivi di stranieri, il settore turistico contribuisce al 10 per cento del Pil.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usa 2016, Wsj: “Il governo americano valuta sanzioni contro la Russia per gli attacchi hacker al Partito Democratico”

next
Articolo Successivo

Attentati in Thailandia, i soccorsi ai feriti dopo le esplosioni a Hua Hin

next