Il ministro per gli affari costituzionali Maria Elena Boschi è stata contestata ieri, durante la festa regionale del PD Toscana a Pistoia. Una ventina di persone, vittime del decreto ‘salva-banche’ ha scandito slogan contro di lei, il premier Matteo Renzi e l’azione di governo. La contestazione è stata bloccata dalle forze dell’ordine. Il ministro ha poi reagito stizzita durante il dibattito rispondendo ai contestatori: “Chi contesta è qui perché non sa dove andare, perché solo il Pd ha appuntamenti come questi” – la contestazione è stata rivendicata dall’Associazione Vittime del Salva-Banche che ha commentato l’accaduto in una nota: “La ministra senza vergogna risponde in modo fuori luogo e arrogante, sostenendo che se quelle persone erano lì evidentemente non avevano niente di meglio da fare e che mentre loro protestavano lei si trovava lì per difendere la Costituzione che garantiva anche la loro protesta. Peccato però che lei ed il suo Governo si stiano accingendo proprio a stravolgerla”. L’associazione ha poi reso pubblico il video pubblicandolo sul proprio canale Youtube.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Referendum, Bonino: “Manca informazione”. “Riforma Senato? Non sembra eccezionale”

prev
Articolo Successivo

Roma 2024, presidente Cio: “Candidatura forte”. In Campidoglio mozione per referendum: M5s verso astensione

next