Toyota e WWF hanno sottoscritto un accordo di collaborazione, al fine di tutelare le foreste tropicali e la fauna selvatica nel sud-est asiatico. In particolare, le zone interessate dall’iniziativa sono il Borneo (Kalimantan) e l’isola di Sumatra (Indonesia). In futuro verrà interessata anche la regione del Grande Mekong.

Si tratta in pratica di sostenere il progetto Living Asian Forest, attraverso la ricerca di un sempre minore impatto ambientale. In quest’ottica, è previsto l’utilizzo di risorse naturali quali il legno, la polpa di cellulosa, l’olio di palma e la gomma naturale: ma prevedendone una produzione sostenibile, per non andare incontro alla deforestazione e all’estinzione di diverse specie animali. Particolare attenzione merita la gomma, il cui sfruttamento alimenta l’industria dei pneumatici e non solo.

Toyota investirà un milione di dollari quest’anno, e il sostegno andrà avanti per i prossimi cinque anni. In linea con la mission della casa giapponese, che è quella di ridurre l’impatto ambientale delle proprie automobili di oltre il 90% entro il 2050, rispetto ai livelli del 2010.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Biocarburanti, quelli del futuro si ricaveranno dalla pipì. Ecco la “ricetta” degli studiosi di Bristol

next
Articolo Successivo

Tesla e il futuro, Elon Musk riparte dalla Gigafactory e da SolarCity

next