Dijamant Zabergja

Dijamant Zabergja, 21 anni ad agosto, era kosovaro. Il padre Naim ha spiegato che il figlio era andato al centro commerciale per un drink con un amico. Ha dato la notizia della sua morte su Facebook: “Con grande tristezza devo informarvi che mio figlio è stato ucciso a Monaco”. Il compagno è riuscito a fuggire, Dijamant invece è stato colpito. E alle quattro di mattina, la polizia ha bussato alla porta della famiglia Zabergja. “Sto ancora sognando, non credo ancora a quello che è successo, neanche la mia famiglia ci crede ancora”.

INDIETRO

Attacco Monaco, le vittime: il ragazzo che ha salvato la sorella, il giovane al bar per un drink, le due amiche 14enni

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Turchia, dalla fuga in aereo di Erdogan all’intelligence che sapeva tutto: tutti i punti oscuri del golpe fallito

prev
Articolo Successivo

Pokemon Go, poliziotto usa taser contro ragazzo che si rifiutava di lasciare il parco in Florida

next