E’ online il nuovo Bando di concorso per l’ammissione all’Istituto di formazione di giornalismo a Urbino. Trenta nuovi praticanti giornalisti potranno partecipare ai corsi per il biennio 2016-2018. La scadenza per la presentazione delle domande di ammissione è il 20 settembre 2016. La partecipazione alle lezioni alla scuola di giornalismo di Urbino, con frequenza obbligatoria, darà la possibilità di seguire corsi di formazione e aggiornamento ed è sostitutivo del praticantato giornalistico, assicurando quindi alla fine del biennio la possibilità di fare l’esame per diventare giornalisti professionisti.

Il nuovo biennio dell’Istituto in una nuova sede in pieno centro storico della città sulle colline marchigiane è stato impostato con una visione proiettata al futuro senza dimenticare i capisaldi della professione, affrontando le sfide del mondo digitale e di un mondo del lavoro in continua evoluzione. La scuola è giunta al suo 14° biennio e ha formato dal 1990 quasi 400 giornalisti professionisti che oggi coprono posizioni di responsabilità in tutti i gruppi editoriali italiani e in tutti i media nazionali: radio, tv, carta stampata, online e agenzie. Da quest’anno ci sarà poi poi la possibilità per chi ne avesse bisogno di fare richiesta per un prestito d’onore. E ci sarà una nuova didattica, incentrata sull’integrazione tra media classici (carta, agenzia, radio e tv) e il digitale.

I 30 studenti daranno vita alle testate della scuola: il Ducato (sia nella versione web che in quella cartacea, distribuita in migliaia di copie gratuitamente), l’agenzia di stampa Ducato Notizie; i giornali radio di RadioDucato; il magazine DucatoTv; e ovviamente i social network. Questa è la sfida del nuovo biennio dell’Ifg. Che sarà arricchita anche da corsi e seminari di alcune importanti esponenti del giornalismo italiano. Alcuni esempi su tutti: lo scorso biennio sono venuti a Urbino Ezio Mauro, ex direttore di Repubblica, Sarah Varetto, direttrice di SkyTg24, e Marcello Sorgi, editorialista de La Stampa. Ha frequentato l’Istituto di formazione giornalistica di Urbino anche Marco Lillo, firma di punta de Il Fatto Quotidiano. E chissà che qualche altro aspirante giornalista non possa seguire le sue orme.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Corriere della Sera, ha vinto un editore puro. Ma Cairo ha fatto tutto da solo?

prev
Articolo Successivo

Guido Veneziani, arrestato per bancarotta fraudolenta l’uomo che Renzi aveva scelto per salvare l’Unità

next