Serena Lippi, Console italiano a Nizza, racconta l’attentato in cui hanno perso la vita 84 vittime dopo che un tir ha violato l’area pedonale del lungomare travolgendo centinaia di persone. “Ero sulla promenade a vedere i fuochi d’artificio, ho visto tutto: scene terribili”. Ancora nessuna informazione ufficiale in merito all’eventuale coinvolgimento di cittadini italiani. “Le autorità francesi non stanno ancora fornendo nominativi, e preferiamo non riferire informazioni parziali. A complicare le cose i cognomi nizzardi, che sono cognomi italiani e senza documenti è difficile attribuire la nazionalità”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Attentato Nizza, Farnesina: “Tre italiani feriti: due gravi. Ma non c’è ancora lista ufficiale”

next
Articolo Successivo

Attentato Nizza, ricostruzione 3D. Il tir irrompe nella Promenade des Anglais

next