Strage di Nizza? E’ un intero sistema di convivenza che dobbiamo ripensare. Poi Nizza è l’Italia: se possiamo pensare che Parigi e Bruxelles erano lontane, Nizza non lo è, siamo tutti sotto attacco. Non si può pensare come si è fatto che sia un problema francese“. Sono le parole dell’ex premier Enrico Letta, intervenuto a “24 Mattino – Attenti a noi due”, su Radio 24, commentando l’attentato in Francia. “La prevenzione è l’unica vera arma, piuttosto che una repressione e una reazione che è sempre debole” – continua – “E per la prevenzione c’è bisogno di un salto in avanti del nostro modello organizzativo. La nostra stessa Università di Parigi, dopo gli attentati ha avuto due tre mesi di ipercontrolli agli ingressi, poi da un mese fa, tutto questo è venuto meno, perché passato un po’ di tempo l’atteggiamento cambia”. E aggiunge: ” Serve un ripensamento del nostro modo di organizzare la vita in comune nelle nostre società, perché quello che è accaduto ieri, quel tipo di minaccia è ripetibile. Mi verrebbe da dire che è una guerra civile quella in corso: una guerra civile con tutti i crismi“. Letta, poi, auspica: “L’attacco al cuore dell’Europa cambia la missione di stare insieme: fino a qualche tempo fa l’economia ha dominato il nostro stare insieme come europei. Oggi dobbiamo renderci conto che la questione della sicurezza dei cittadini diventa una missione nuova che l’Europa non ha mai avuto e non ha mai voluto darsi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Attentato Nizza, ricostruzione 3D. Il tir irrompe nella Promenade des Anglais

prev
Articolo Successivo

Attentato Nizza, la rabbia dei francesi: “Non ci possiamo più permettere feste o raduni”

next