E’ la finale dei protagonisti mancati e degli eroi inattesi. Fuori Cristiano Ronaldo per infortunio, con Pogba e Griezmann non pervenuti e una pessima direzione di gara, i protagonisti della notte dello Stade de France si chiamano Guerreiro, Rui Patricio ed Eder. Alcuni, come il giovane terzino appena acquistato dal Borussia Dortmund, magari farà ancora parlare di sé, gli altri probabilmente no. Ma entrano di diritto nella storia di Euro 2016 e del calcio portoghese.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Europei 2016, Italia: il pagellone finale. Tanti i migliori, nessun dubbio sul peggiore: Thiago Motta

next
Articolo Successivo

Euro 2016, l’eredità: la fine del dominio spagnolo, i panzer che sparano a salve, le troppe favole di un torneo mediocre

next