Le detrazioni Irpef per i figli favoriscono le famiglie ricche più di quelle povere. A fare i conti è stato il presidente dell’Istat, Giorgio Alleva, presentando un’elaborazione sui dati 2013 durante un’audizione al Senato sul Ddl Lepri che contiene “misure fiscali a sostegno della famiglia”. “Il 26,3% delle famiglie del quinto più ricco percepisce detrazioni Irpef per i figli che valgono complessivamente 1 miliardo e cento milioni“, ha spiegato. Vale a dire che ricevono un beneficio di “circa 740 euro l’anno, meno dell’1% del reddito familiare”. Invece solo il 16,5% del beneficio va a famiglie a rischio di povertà, mentre il 30% arriva a famiglie con un reddito più che doppio rispetto alla soglia di rischio. Nel quinto più povero della popolazione sono comunque il 28,6% delle famiglie a beneficiare delle detrazioni per un importo medio di circa 1.120 euro l’anno, che incide per il 5,5% sul reddito familiare.

Gli assegni familiari, al contrario, sono più concentrati sulle fasce meno abbienti della popolazione. Più della metà del beneficio totale è destinata a famiglie che fanno parte dei due quinti più poveri e soltanto il 7% risulta attribuito a famiglie del quinto più ricco. Circa il 60% del beneficio totale è percepito da famiglie povere o quasi povere (redditi fino al 150% della linea di povertà), mentre il restante 40% si distribuisce tra le altre famiglie. “Analizzando esclusivamente le famiglie con figli a carico, il 40,3%, pari a 4.678.088 famiglie, percepisce assegni familiari con un importo medio annuo di 1.155 euro”, ha spiegato Alleva. “Tale incidenza è superiore per le famiglie che contano prevalentemente su redditi da lavoro dipendente (53,1%), per le famiglie più numerose e per le famiglie con minori (il 58,8% delle coppie con minori e il 42,6% dei monogenitori con minori), con un andamento crescente all’aumentare del numero dei minori – fino ad arrivare al 64,5% delle famiglie con almeno tre minori. All’opposto solo il 18,7% delle famiglie con tutti i figli maggiorenni percepisce assegni familiari”.

“Guardando alle sole famiglie con figli a carico – ha aggiunto il docente di statistica che guida l’istituto – si può notare che quelle nella classe più bassa di reddito continuano a essere in posizione di svantaggio anche se aumenta il numero di minori in famiglia: nel primo quinto di reddito, circa una famiglia su due con almeno tre minori percepisce gli assegni familiari, a fronte di circa l’80% delle famiglie del secondo e terzo quinto di reddito. Inoltre, per queste famiglie l’importo medio e mediano degli assegni familiari è più basso nel primo quinto (rispettivamente 3.088 e 2.817 euro annui) rispetto al secondo (rispettivamente 3.509 e 3.360 euro annui), a differenza di quanto accade per il resto delle famiglie dove gli importi medi e mediani decrescono monotonamente all’aumentare del reddito”. “È importante segnalare il fatto – ha concluso – che gli assegni familiari siano attualmente percepiti anche da famiglie a basso reddito che non hanno minori a carico: si tratta di circa 1,5 milioni di famiglie”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Usura, assolti a Palermo i vertici di Banca Nuova: “Il fatto non costituisce reato”

next
Articolo Successivo

Banche, Economist preme su Berlino e Bruxelles: “Sì a uso soldi pubblici per salvarle, altrimenti strada aperta a M5S”

next