Si piange in diretta tv, dopo la sconfitta dell’Italia ai rigori contro la Germania: prima Barzagli, poi Buffon, scoppiano in lacrime ai microfoni de Il Grande Match su Rai1 e a quelli di Sky, dove anche Ilaria D’Amico, nel post-partita, è sembrata molto emozionata.

Chissà se hanno pianto anche Graziano Pellè e Simone Zaza, scelti dai tifosi come capri espiatori della disfatta dal dischetto. Perdere ai rigori capita, quindi prendersela con qualcuno è ingeneroso, ma se ti chiami Pellè, dovresti accuratamente evitare di sfotticchiare un portiere che si chiama Manuel Neuer facendo il gesto del “cucchiaio” con le mani, soprattutto se poi non hai neppure il coraggio di provarlo e tiri un rigore inguardabile che nemmeno in un campetto dell’oratorio.

Simone Zaza, invece, è il protagonista di tantissimi meme che stanno spopolando sui social network, a causa della sua incomprensibile rincorsa a passettini: da Fred Flinstone che si prepara a tirare la palla di bowling fino a una papera che sgambetta in un prato, i tifosi italiani si stanno dimostrando ancora una volta parecchio creativi anche nel doloroso momento della sconfitta. Gli sfottò ci stanno, per carità, ma cosa c’entra in tutto questo Chiara Biasi, fashion blogger e fidanzata del calciatore della Juve, che in troppi stanno insultando in queste ore?

Nel dopopartita di Rai1 di ieri sera firmato Il Grande Match, il gran cerimoniere Flavio Insinna, che da tre settimane trasmette al malcapitato spettatore ansia ed entusiasmo immotivato, ha invece deciso di celebrare una sorta di funerale in diretta tv, con espressioni contrite, voce impostata sulla modalità “prefica” e la solita abbuffata di frasi fatte che nelle sue intenzioni avrebbero dovuto risollevare il morale degli spettatori, ma che in realtà hanno solo incarognito ancora di più i già sofferenti tifosi italiani.

I giornali tedeschi, a cominciare dall’odiosissima Bild, celebrano finalmente (dopo 46 anni di umiliazioni subite) la fine della “Italien-fluch”, la “maledizione Italia”. Le prime pagine dei quotidiani sportivi di mezza Europa, invece, celebrano più gli Azzurri che i campioni del mondo: per Marca “la fortuna è stata dalla parte dei tedeschi”, mentre AS riconosce all’Italia di “aver portato al limite i campioni del mondo”.

Su Twitter, ovviamente, non ci sono soltanto esperti di calcio. Chi ha difficoltà con fuorigioco e schemi tattici, dunque, ieri sera si è concentrato sulle fisiche beltà dei giocatori in campo, soprattutto quelli tedeschi. Il più gettonato è stato Mats Hummels, che vince il beauty contest per distacco. Ben piazzato anche il tronista azzurro Graziano Pellè, che poi però ha perso tutto il suo appeal con l’orrido rigore calciato.

Sono stati 16 milioni 562mila i telespettatori che hanno seguito su Rai1 la partita, realizzando il 66.34% di share. Per i rigori lo share è salito a 72.94% con 17 milioni 553mila telespettatori. Chiudiamo con una precisazione doverosa, visto che circola un equivoco che sta provocando falsi (anche se comprensibili) entusiasmi: nonostante la sconfitta dell’Italia, Il Grande Match condotto da Flavio Insinna andrà regolarmente in onda fino alla finale. Oltre il danno, la beffa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Europei 2016, per Flavio Insinna altri quattro pacchi: i nuovi direttori di rete in diretta. Prossima tappa per presentare i palinsesti? L’Angelus del Papa

prev
Articolo Successivo

Europei 2016, il contropagellone: da Spalman Conte a Oronzo Canà Tavecchio. Il voto di Thiago Motta? Ha i suoi tempi, arriverà entro i mondiali del 2018

next