In questi giorni a Venezia la giunta del sindaco Brugnaro compie un anno. Questo nuovo politico, fino a ieri uomo di affari, si è contraddistinto per la netta e dichiarata preferenza dell’entroterra e di Mestre alla città storica. Brugnaro è autore di affermazioni comiche e pericolose allo stesso tempo, tra cui: “Il futuro di Venezia è Mestre“, sono state usate per pura provocazione.

Dopo un anno di aspettative non soddisfatte, diversi gruppi di cittadini veneziani, di destra e di sinistra (Gruppo25Aprile, Fai, Italia Nostra, Masegni e Ninzioleti, L’Altra Venezia) oltre a gran parte delle scuole superiori, hanno deciso di segnalare al sindaco, così poco attento ai bisogni quotidiani di una città d’arte, quali siano i veri temi che stanno a cuore a Venezia e ai suoi abitanti. Il tessuto sociale di una città – e nel caso di Venezia questa affermazione è tanto più vera – è ciò che la mantiene viva. Venezia non merita di essere solo uno spazio urbano ad uso e consumo del turismo mondiale.

Oggi, sabato 2 luglio, in tutti i sestieri di Venezia e lungo il Canal Grande, sono esposti dei “ninzioi” (lenzuola), in colori e lingue diverse (Venezia è tuttora una città internazionale), e la frase che ha catturato la mia attenzione è “Venezia è il nostro futuro“.

venezia

 

Brugnaro non è uomo di dialogo. Questi manifesti così civili hanno il compito di costringerlo ad ascoltare il vero grido dei cittadini veneziani. In una comica e oramai celebre risposta di Brugnaro a Elton John, il sindaco di Venezia si è rivolto alla pop star inglese in dialetto veneziano: “Fora i schei“, fuori i soldi. È ora che il sindaco trovi i soldi per rendere ancora vivibile questo capolavoro della cultura italiana alle 55.000 persone che la amano e che hanno il senso civico di affermare che Venezia è il loro futuro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Disabili: presuntuosi, incompresi e subdoli, quanto siamo litigiosi noi sofferenti

next
Articolo Successivo

Saldi al via in tutta Italia. “In 22 milioni pronti ad approfittare degli sconti”. Ecco quanto spenderanno gli italiani

next