Ho letto, letto e riletto opinioni contrastanti, previsioni apocalittiche e tanti, tanti – nuovi – esperti di economia, di borse e di andamenti. Comunque sia, saranno più bravi di me in questo settore in cui mi confondo seriamente ma, una cosa l’avevo ben imparata e pare si confermi: la storia si ripete, soprattutto in economia e, probabilmente, le scelte operate da chi ha promosso l’uscita della Gb dall’Ue non saranno esenti da calcoli ben ragionati sul medio e lungo termine – dove probabilmente le spese saranno a carico  (guarda caso) dei più deboli. Ah, se vi capita, vi suggerirei di vedere Margin Call, un film del 2011 con tanti bravi attori, tra cui Kevin Spacey, Demi Moore e Jeremy Irons. Ascoltate attentamente il discorso finale di John Tuld – il personaggio interpretato proprio da Irons – sul concetto di finanza, etica, valori e denaro.

Comunque sia, posso felicemente capirne poco su certi aspetti ma le mie domande cercano risposte e saprò essere paziente. Certo è che, se nei modelli macroeconomici la storia si ripete, quello che è successo adesso resterà innegabilmente come un segno indelebile nella storia politica mondiale. Un evento, per molti inaspettato. Fuori dall’Ue! Hanno scelto e hanno votato. Cioè, oltre il 70% della popolazione britannica ha votato, durante gli Europei! E adesso? Che si fa? Ok, pare che ci vogliano un paio di anni per rendere tutto effettivo ma, immaginare che una squadra come il Galles o l’Inghilterra possa ancora vincere il campionato europeo, be’, dai, sembrerebbe un paradosso.

Va be’, cerco di sorridere e sdrammatizzare, sarà che ho letto davvero troppo di tantissimi affranti, afflitti dalle domande declinate sul “che succederà?”, “Pensa a chi ha aperto le partite iva a Londra”, ma soprattutto “che fine faranno tutti i camerieri immigrati in Gran Bretagna?”, che poi sono gli stessi che ti avrebbero mandato a ‘fanculo se gli avessi proposto di fare il cameriere o il babysitter in Italia. Beh, vuoi mettere le mance? O la traduzione di babysitter tipo “Balia” … he he… vuoi mettere?
Dai, a parte il banale e populista sarcascmo o le riflessioni da bar, c’è in effetti una domanda che mi sono murato davanti la faccia, ed è lì che resterò a riflettere per un po’. Vi state chiedendo se fosse giusto restare, perché il sogno dell’Europa Unita non doveva cadere e  altre romanticherie che adoro… ma … ma perché, l’Europa che si sta delineando fino ad oggi, è l'”Unione” di culture, intenti e popoli che si vorrebbe?, chiedo.

E’ questo che mi state dicendo? Siete dispiaciuti per questo? Siete felici di essere uniti dagli interessi delle banche e dalla strafottenza di chi ha sempre deciso, per puro e becero guadagno, sull’economia e sullo sfruttamento di risorse umane. Il punto è che se davvero siete incazzati, dovreste scendere in piazza e scordare i tastieroni digitali … se no, siete tutte chiacchiere e nemmeno avete distintivi. Mi dispiace per i ragazzi ma vedo troppe contraddizioni tra i giovani che si sono scordati di vivere l’oggi e vivono nei retaggi di altre generazioni, fra storie di ideali che continuano a dividerli e dividerci e per giunta totalmente e drammaticamente fuori da ogni contesto sociale e storico. Si dovrebbero mettere punti e scegliere le meraviglie che possono accomunarci. Invece vincono sempre gli interessi personali.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brexit, la fine del cosiddetto ‘politically correct’

next
Articolo Successivo

Divorzio tra Ue e Gran Bretagna? Come quello tra moglie e marito

next