Dalla riunione della minoranza del Partito democratico, nella sede nazionale del ‘Nazareno’ a Roma, seppur i parlamentari Roberto Speranza e Pier Luigi Bersani negano davanti le telecamere, ma emerge evidente che il al referendum costituzionale, passerebbe attraverso le modifiche alla legge elettorale. Nella relazione il leader della minoranza dem Roberto Speranza, focalizza l’attenzione sui temi sociali: “Abbiamo votato per togliere l’Imu ai miliardari. Ora diremo “no” alle cose che non ci convincono – spiega -: immediatamente bisogna aprire un tavolo sulla riforma della scuola che ha provocato una protesta senza precedente”. Bersani si rivolge ai giornalisti: “Si può per una volta evitare di parlare del referendum, perché nelle periferie non è che si parlava di referendum”. Ma Guglielmo Epifani ammette: “L’Italicum presente grossi problemi: col 25% puoi prendere tutto, sia perché avremo una Camera formata in maggioranza da designati e non da eletti, quindi è evidente che si tiene un rapporto tra la legge elettorale e la riforma Costituzionale. Io spero – aggiunge Epifani – che Renzi ala direzione Pd possa riflettere su questo passaggio, perché questa legge elettorale non fa il bene del Paese”. Epifani poi conclude: “Sulla Costituzione faremo una valutazione e ad un mese dal referendum esprimeremo una nostra valutazione”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Brexit, rinviata la direzione nazionale del Partito democratico

next
Articolo Successivo

Chiara Appendino ai giovani: “Le sfide impossibili si vincono”

next