Ha cercato di sottrarre una pistola a un agente di polizia con l’obiettivo, a detta sua, di uccidere Donald Trump. Per questo Michael Steven Sandford, 20enne britannico, è stato arrestato a Las Vegas, fuori dall’hotel Treasure Island Casino, proprio dove era in corso un comizio del futuro candidato repubblicano alla presidenza Usa.

L’episodio, che risale a sabato scorso, è emerso a seguito dei documenti depositati in un tribunale federale del Nevada dalla polizia e resi noti ieri, lunedì 20 giugno. Secondo le dichiarazioni, Sandford ha detto a un agente dei servizi segreti di essere partito dalla California per raggiungere Las Vegas con l’obiettivo di sparare a Trump. “Sandford – si legge nelle carte – ha dichiarato di aver cercato di uccidere Trump per circa un anno, ma ha deciso di agire in questa occasione, perché finalmente si sentiva fiducioso”, aggiungendo che, in caso di mancato successo, avrebbe tentato nuovamente di compiere il suo gesto in occasione del prossimo comizio di Trump, previsto a Phoenix, in Arizona.

Agli agenti ha anche riferito che si trovava negli Stati Uniti da circa un anno e mezzo, che la sua residenza era a Hoboken, nel New Jersey, e che per addestrarsi all’uso della pistola aveva fatto pratica in un poligono di tiro il giorno prima del comizio. Come riferisce l’Associated Press, poi, da verifiche giudiziarie il 20enne risulta essere disoccupato, residente illegalmente negli Usa e di fatto senza fissa dimora, vivendo in un’auto. Un avvocato d’ufficio assegnatogli ha affermato che il giovane è affetto da autismo e che ha tentato il suicidio.

Non è chiaro come il tentativo di assassinare Trump sia stato sventato, né la portata del pericolo effettivamente corso dal miliardario newyorchese: di sicuro c’è che l’uomo rimarrà in carcere fino all’udienza preliminare, fissata per il 5 luglio.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Elezioni Usa 2016, Trump ‘espelle’ i giornalisti del Washington Post: “Sono falsi e disonesti”

next
Articolo Successivo

Elezioni Usa 2016, Obama lancia Hillary Clinton verso la presidenza: “La mia fiducia in lei è sempre stata ripagata”

next