Varese non è più leghista. Il Pd ha espugnato la Betlemme della Lega Nord. Era nell’aria, ma oggi è realtà: Davide Galimberti è il nuovo sindaco della città amministrata per 23 anni dal Carroccio. Non si può dunque dare torto ai dem locali per l’entusiasmo con cui hanno accolto il risultato, che ha il sapore di un evento di portata storica, in assoluta controtendenza con la debacle di Roma e Torino. Dopo 23 anni di governo leghista una cordata di centrosinistra (a onore del vero con molto centro e poca sinistra) ha sconfitto la corazzata avversaria che vedeva in campo tutte le forze dello schieramento (Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Area Popolare, oltre ad alcune civiche). Non è bastato il pellegrinaggio elettorale del Popolo della Famiglia, non è bastato nemmeno il nome di Roberto Maroni, la grande ammucchiata del centrodestra non ha prodotto i risultati sperati. Cade così l’ultimo baluardo della Lega dei tempi andati. I cittadini di Varese hanno scelto il cambiamento. “In Lombardia confermiamo la nostra presenza – spiega soddisfatto il segretario regionale Alessandro Alfieri -, ma qui a Varese abbiamo messo la Lega con le spalle al muro. Maroni aveva chiesto a Renzi di dimettersi in caso di sconfitta a Milano, bene: non solo abbiamo tenuto Milano, ma abbiamo anche vinto a casa sua, forse sarebbe bene che pensi lui alle dimissioni”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ballottaggi, delirio per Grillo. Sardoni urla all’operatore tv: “Enrico!”. Mentanta in diretta: “Non sono io, eh”

prev
Articolo Successivo

Ballottaggi 2016, Mastella sindaco di Benevento: “Siamo l’Italia non grillina”. Ma prende i voti M5S

next