Una birra buttata giù in pochi sorsi in campo di qualche spicciolo. È il folle gesto che un gruppo di tifosi inglesi avrebbe compiuto giovedì pomeriggio a Lille, poche ore prima del match della loro nazionale contro il Galles, nei confronti di un bambino di sette anni intento a chiedere l’elemosina in strada. Il disgustoso ‘gioco’ è stato in parte documentato su Twitter dal corrispondente del Financial Times, Michale Stothard. “I tifosi inglesi a Lille hanno appena spinto un bambino di sette anni a bere una birra intera in cambio di alcune monetine. #Euro2016”, ha scritto il giornalista britannico aggiungendo un altro episodio increscioso da parte dei fans britannici, già finiti nell’occhio del ciclone per gli scontri e le violenze degli scorsi giorni.

E quando qualcuno ha commentato il tweet, correlato da una foto nella quale non si vede il bambino bere, per chiedere a Stothard se avesse visto la scena con i suoi occhi, la sua risposta è stata secca: “Sì, l’ho vista. Ha buttato giù una bottiglia in cinque sorsi tra gli applausi rumorosi. Dopo gli hanno dato i soldi. E anche una sigaretta”. Ma il bambino ha gettato la sigaretta per terra tra gli sguardi di disapprovazione dei tifosi, sempre secondo il racconto di Stothard.

Si tratta del secondo gesto offensivo nei confronti di piccoli mendicanti, dopo il video che ha immortalato decine di tifosi inglesi e gallesi intenti a bere fuori da un locale e a divertirsi nel lanciare monetine verso quattro piccoli bimbi rifugiati. Un episodio che ha ricordato da vicino quanto accaduto negli scorsi mesi a Madrid con i tifosi del PSV e a Roma con i tifosi dello Sparta Praga nei confronti di una donna che chiedeva le elemosina lungo Ponte Sant’Angelo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Europei 2016, trionfo social degli Azzurri: boom di contatti per le pagine su Facebook e Twitter della Nazionale

prev
Articolo Successivo

Italia-Svezia 1-0. Il pagellone: Bonucci-Chiellini-Barzagli ancora perfetti. Eder decisivo, bene Florenzi e Zaza

next