Una latrina a cielo aperto con clochard, ubriachi in bivacco e spesso fuori controllo, un parco giochi fatiscente, siringhe e rifiuti in ogni angolo. E’ questo il volto dei giardini di piazza Vittorio oggi, nel pieno centro di Roma e intitolati a Nicola Calipari (il capo dipartimento del Sismi, morto in Iraq il 4 marzo del 2005, ndr), a due passi dalla stazione Termini. Una pessima cartolina per i turisti in visita nella Capitale anche per il Giubileo. “E’ un posto disgustoso, il peggiore visto in cinque giorni”, commentano due ragazze tedesche. “E’ un luogo con potenzialità enormi, ma è ormai un luogo pericoloso“, lo descrivono le madri che abitano in zona. Che aggiungono: “C’è un bel roseto che non è curato, i giardini sono poco controllati e tutte le iniziative civiche non sono servite a riqualificare la piazza”. “Questa piazza avrebbe un altro volto se fossimo al Nord Italia o in Nord Europa”, dice un’abitante del quartiere originaria di Torino. Anche l’Enpam (l’ente previdenziale dei medici e odontoiatri che ha la sede davanti all’entrata dei giardini) ne sottolinea il degrado: “I problemi ritornano ciclicamente, serve dare un’altra vocazione a questa piazza anche se – sottolinea il responsabile della comunicazione, Gabriele Discepoli – alcuni passi importanti sono stati fatti, come la presenza degli ausiliari dei carabinieri e la ristrutturazione da parte dell’Ama di una casetta da adibire a bagni pubblici. Una casetta che era divenuta una zona di spaccio per i tossicodipendenti. Qui – conclude – servono soldi e regole”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum aeroporto Bolzano, vince il no con il 70%. I Verdi: “Già 120 milioni buttati nello scalo”

next
Articolo Successivo

Berlusconi operato al cuore, Gianni Letta: “E’ andato tutto bene”. Francesca Pascale in lacrime al San Raffaele

next