La paura della Brexit si fa sentire in BorsaTutti i listini europei hanno chiuso con il segno meno e Milano è la piazza peggiore dopo Atene. Nella prima seduta della settimana l’indice Ftse Mib è tornato indietro, ben sotto ai livelli di febbraio, con un calo del 2,91% a 16.621 punti, segnando un tonfo del 19,34% dalla prima seduta dell’anno. Un dato molto peggiore della media europea (-9,23% l’indice Euro Stoxx) ed in controtendenza con Wall Street (Dow Jones +2,14% dallo scorso 4 gennaio).

La seduta di piazza Affari ha visto come protagonisti in negativo le banche, a partire da Banco Popolare (-10,08%), Mps (-9,14%) e Bpm (-9,9%). In forte calo anche Bper (-6,09%), Mediolanum (-6,53%) e Ubi (-6,12%), mentre Intesa ha lasciato sul campo il 5,89% ed Unicredit il 5,29%. In difficoltà anche Mediaset (-4,55%). Segno meno anche per Fca, che ha lasciato sul campo il 2,78%, Ferrari il 2,3% ed Eni il 2,32%. Più limitato il calo di Enel (-1,61%) e Poste (-1,53%). A parte Snam (+0,57%) nessun titolo ha chiuso in positivo nel paniere principale, mentre non sono mancate sorprese tra i titoli a minor capitalizzazione, da Seat Pagine Gialle (+4,17%), dopo la fusione con Italiaonline. Positiva anche Rcs (+1,36% a 0,78 euro), al di sopra degli 0,7 euro dell’Opa di Andrea Bonomi e del concambio proposto da Cairo (-5,56% a 4,25 euro). Non particolarmente vivaci gli scambi, a oltre 2,5 miliardi di euro di controvalore, seppure in ripresa rispetto alle ultime sedute.

Allargando lo sguardo all’Europa, Milano è stata tra le borse peggiori, con un calo del 2,91%, superato solo da Atene (-3,89%). Londra ha ceduto l’1,16%, Francoforte l’1,8%, Parigi l’1,85% e Madrid il 2,2%. Tra le cause dello scivolone, la paura che fa la possibile uscita della Gran Bretagna dall’Ue, la decisione sui tassi Usa attesa per martedì, il rallentamento della Cina e le prossime elezioni in Spagna, che alimentano il clima di incertezza internazionale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Microsoft compra LinkedIn per 26 miliardi di dollari. “Manterrà il brand”

prev
Articolo Successivo

Energia, multe Antitrust da 14,5 milioni per Enel, Acea, Eni, Edison. “Pratiche aggressive nelle bollette”

next