Ho sentito che ne parlava a bassa voce con sua madre… dopo tanto tentennare oggi mia figlia lo farà per la prima volta. E’ una donna e si sente pronta. Dice.

Io che la vedo ancora come una bambina ero un po’ a disagio… sa quello che fa? Ma anche se volessi impedirglielo… ha raggiunto la maggiore età e non ha bisogno del mio consenso. Così, facendo finta d’aver sentito per caso (in realtà origliavo) mi sono intromesso. E ho voluto fare il padre. E le ho ricordato che sua nonna l’ha fatto la prima volta che era molto più grande di lei. E solo dopo sposata. Ok, tua mamma, ho ammesso, l’ha fatto più volte anche prima di sposare, ma (quasi) sempre motivata da un sentimento profondo. E ho concluso come Giallini in Perfetti sconosciuti: figliola, se lo fai solo perché lo fanno tutte le tue amiche, pensaci bene. Ma se lo farai con gioia… allora fallo.

Papà lo so, mi ha risposto, e so anche che in molti Paesi è vietato e che in altri se lo fai rischi di brutto, ma nonno Filippo e nonno Salvatore hanno rischiato la pelle perché oggi io fossi libera di farlo.

Ha preso la scheda ed è andata a votare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“In Italia, perso il lavoro, è impossibile ricominciare. A Ibiza ho aperto un locale, e anche la mia famiglia verrà qui”

next
Articolo Successivo

Salute e privacy, come proteggere i dati sanitari nel mondo 3.0

next