Il grande pubblico ha imparato a conoscerlo come Julien Lowe, il poliziotto della serie “The Shield“: si tratta di Michael Jace, attore americano dichiarato colpevole di omicidio volontario della moglie, uccisa nel maggio del 2014 davanti ai due bambini della coppia. Il verdetto è stato emesso dai 12 giurati il 31 maggio dopo due ore di camera di consiglio: la pena sarà resa nota il 10 giugno e l’attore rischia fino a 40 anni di carcere.

Ho sparato a mia moglie“: era stato lo stesso Jace a chiamare la polizia dopo il delitto dicendo queste parole. Durante il processo, però, gli avvocati dell’attore hanno sempre sostenuto che l’intenzione fosse quella di ferire la donna e non di ucciderla sperando cosi di ottenere la non volontarietà dell’omicidio e una riduzione della pena. Jace ha lavorato in diverse serie come “Law&Order” e “NYPD Blue”. Inoltre ha avuto piccoli ruoli anche in film di grande successo come “Forrest Gump“, “Boogie Nights” e “Fair Game”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Johnny Depp, la rivelazione delle guardie del corpo: “Era Amber a picchiarlo. Aveva scatti di rabbia”

next
Articolo Successivo

Marilyn Monroe e l’omaggio di Valeria Marini. Un fotomontaggio la mostra accanto alla diva: a qualcuno piace trash

next