Due bambini iracheni sono morti affogati nella cisterna di un campo profughi di Katerini, a nord della Grecia. Lo riferisce la polizia greca.
I corpi dei bambini, che avevano circa 12 anni, sono stati trovati all’interno del serbatoio nel campo che ospita circa 1.100 rifugiati.

L’associazione umanitaria Intersos proprio oggi ha ribadito che la situazione dei profughi bloccati nel nord della Grecia rimane “allarmante a partire proprio dalla condizione dei nuovi campi nei quali migliaia di persone sono state ricollocate negli scorsi giorni”. Tra i problemi segnalati: accoglienza abitativa inadeguata, problematiche igienico-sanitarie, caos burocratico, vulnerabilità.

Intersos ricorda che in seguito allo sgombero del campo spontaneo di Idomeni, avvenuto tra il 24 e il 26 maggio, circa 9.200 persone hanno dovuto trovare una nuova collocazione, distribuendosi tra i campi già esistenti gestiti dall’esercito greco e i nuovi campi, sette, allestiti nell’area a nord di Salonicco. Desta allarme, inoltre, la condizione delle persone che dopo lo sgombero di Idomeni hanno trovato rifugio in aree informali piuttosto che nei campi governativi: in questi contesti alla totale assenza di servizi e alla precarietà delle condizioni abitative, si aggiunge il rischio esponenziale di contatto e sfruttamento da parte dei trafficanti.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Somalia, assaltato hotel Ambassador a Mogadiscio: “Autobomba, poi spari”. Al Shabaab rivendica. Testimone: “15 morti”

prev
Articolo Successivo

Los Angeles, sparatoria in campus Ucla: due morti. Ipotesi omicidio-suicidio

next