Un premio al non giornalista dell’anno, uno alla giovane non promessa del giornalismo, uno alla non carriera. E infine, il riconoscimento “Un certain markette”, alla migliore marchetta, che in gergo giornalistico è l’articolo scritto per compiacere il potente di turno. E’ il Festival del non giornalismo, l’evento ideato dall’omonimo gruppo Facebook, nato per prendere in giro giornali e giornalisti.

“Finalmente. Ce l’abbiamo fatta. Dopo tre anni di gestazione e dopo aver raggiunto i 550 iscritti al gruppo Facebook, il Festival del Non Giornalismo ha deciso di riunire i suoi adepti e di uscire allo scoperto. In barba alle notizie (vere)“. Con questo annuncio, riportato in un non comunicato, i gestori del gruppo hanno dato appuntamento per domenica 29 maggio al Design Caffè, a partire dalle 18, vicino alla Triennale di Milano.

“Il programma dell’evento NON c’è, ovviamente – spiegano i promotori – Si era pensato inizialmente a cose serie, vere, tipo workshop, meeting, one-to-one, sessioni, conferenza stampa e altre amenità. E invece di limiteremo a bere e brindare, e ognuno pagherà per sé (prova ardua per un giornalista), per mantenere la nostra NON libertà e la nostra NON indipendenza dall’establishment e dai poteri forti del salotto buono”. Per quanto riguarda le premiazioni, lo staff invita gli interessati a presentare la propria candidatura alla mail festivalnongiornalismo@gmail.com. A decidere i vincitori, ovviamente, sarà una non giuria. Gli organizzatori snocciolano i nomi dei giurati, proponendo una serie di nomi di famosi giornalisti ironicamente storpiati: Johnny Rayotta, Luke S’Offro, Joe Crucianovic, Victor Feltriesky, Tranquilla Luikarellis, Henry Mentina, Palomba Barbarelli ed Emilio Fido.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Riforma Rai, il governo pubblica il questionario online. Ecco lo spot istituzionale di “Cambierai”

next
Articolo Successivo

Report, allarme batteri resistenti agli antibiotici: dagli allevamenti intensivi arrivano in tavola

next