Si sta svolgendo in queste ore, davanti al gip, l’udienza di convalida dell’arresto dei 10 palermitani fermati ieri mattina con l’accusa di avere imposto il pizzo, con minacce e violenze a un gruppo di commercianti extracomunitari del centro di Palermo. I fermi, eseguiti dalla polizia, sono stati disposti nei confronti dei presunti esponenti di un’organizzazione che avrebbe tenuto sotto controllo il quartiere Ballarò. Gli indagati sono accusati di decine di reati, aggravati dal metodo mafioso e dalla discriminazione razziale, vicini alle famiglie mafiose di “Palermo Centro”. I reati contestati sono tentato omicidio, estorsione, incendio, rapina, violenza privata e lesioni personali tutti perpetrati ai danni di commercianti del Bangladesh. Gli arrestati sono stati incastrati dai racconti e dalle denunce dei bengalesi, stanchi del regime di vessazione cui erano sottoposti. “Paga o ti ammazzo, questa è zona mia“: è una delle frasi usate dai estorsori per tenere sotto scacco gli stranieri che avevano messo su negozi nei vicoli del mercato storico

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, ora gli sbarchi toccano anche Salento e Calabria: dalla Turchia 400 arrivi in due mesi. In barca a vela

prev
Articolo Successivo

Nuoro, casa di riposo come un lager: botte, schiaffi e calci sugli anziani. Arrestata anche la direttrice

next