Tra qualche giorno la si potrà incontrare per le strade di Bologna, sulle piste ciclabili, in piazza Maggiore, o tra i vicoli del centro. Non è però una due ruote qualunque. Si chiama Aspasso, ed è una bicicletta ideata e costruita apposta per permettere a famiglie, amici, operatori di trasportare persone con disabilità motorie, senza che queste si debbano spostare dalla sedia a rotelle. Dopo un primo test a Senigallia, in provincia di Ancona, il capoluogo emiliano è la prima grande città ad aprire le proprie vie a questo progetto di mobilità urbana e sostenibile.

Ad adottare Aspasso è stata la velostazione Dynamo, realtà aperta da qualche mese a pochi metri dalla Stazione centrale e dedicata proprio a chi si muove con i pedali, con un parcheggio custodito, un’officina per l’assistenza meccanica e il servizio noleggio. “L’idea – spiegano gli organizzatori in una nota stampa – è quella di mettere a disposizione la bicicletta Aspasso per testarla in città ad uso delle famiglie bolognesi che vogliono farsi una passeggiata e dei turisti che a pochi metri dalla stazione possono approfittare di questo mezzo per vivere Bologna da ciclisti speciali”.

Aspasso si potrà quindi prendere in prestito a partire da giovedì 5 maggio, allo stesso prezzo e alle stesse condizioni di una bicicletta standard. Così “le persone con disabilità motoria che utilizzano la carrozzina potranno provare l’ebbrezza di una passeggiata in bici”. Un’esperienza tutt’altro che banale per chi magari convive con una disabilità dalla nascita e non ha mai avuto l’opportunità di salire su una bici.

Il mezzo è leggero, semplice da usare e non richiede particolari abilità fisiche. È stato pensato per trasportare una persona in sedia a rotelle, senza modificare la sua posizione e senza il disagio dello spostamento dalla carrozzina. A differenza delle classiche bici, nella parte davanti ha una pedana, dove in dieci secondi si può agganciare la sedia a rotelle al telaio, e legarla poi con una cintura di sicurezza. Un sistema di pedalata assistita e di retromarcia consentono poi al conducente, un amico o un parente, di muoversi e di trasportare senza troppi sforzi il passeggero, che resta sempre seduto.

Ideata e prodotta nei Paesi Bassi, la bici Aspasso è arrivata in Italia grazie a un’azienda di Senigallia, la Protec Ambiente, che ha deciso di importarla per promuovere un’idea di mobilità sostenibile, solidale, veloce e a emissioni zero. Il debutto su strada risale a febbraio, quando la Protec l’ha donata alla cooperativa sociale di Senigallia, Casa della gioventù, così da consentire agli operatori di accompagnare i ragazzi disabili agli stabilimenti balneari o in giro per la città. A Bologna il test andrà avanti per tutta l’estate, fino all’arrivo dell’autunno. Per ora si tratta di una sorta di prova, ma gli organizzatori non escludono di poter allargare il progetto in futuro, aprendolo anche ad altri utilizzi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Reggio Emilia, dopo la rivolta dei migranti per il cibo arriva il cuoco specializzato in piatti africani e pachistani

prev
Articolo Successivo

Migranti, l’accoglienza a Milano nel rapporto del Naga: soldi uguali per tutti, servizi diversi

next