barcone675

Le vittime della più grande strage di migranti nel Mediterraneo, avvenuta quasi un anno fa, si trovano ancora 370 metri sotto il livello del mare. Soltanto 28 furono allora i sopravvissuti, 169 i cadaveri recuperati, e si pensa siano almeno 400 corpi all’interno del barcone adagiato sul fondo che la Marina Militare, a richiesta del governo, riporterà a galla entro la fine di questo mese.

Se si potessero fermare invece così come sono, statue di se stessi in fondo al mare, con le espressioni ormai serene e gli abbracci dell’ultimo momento.
Se si potessero proteggere dall’oltraggio del tempo e delle creature marine, li terrei lì piuttosto che farli appassire in una fossa sconosciuta e arida di un cimitero siciliano, li lascerei in quel cobalto silenzioso.
E porrei una scritta, per i visitatori che raggiungessero le profondità del santuario a bordo di qualche macchina del futuro: «Non sappiamo e non importa da cosa fuggissero, ma il loro grande sogno mancò anche a noi».

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Povertà, quando combatterla fa rima con integrazione

next
Articolo Successivo

Oxfam, altro che buonismo astratto. Ecco come le donazioni hanno nutrito la Tanzania

next