Ai protagonisti sembra una semplice prova di abilità con lo skateboard, una delle tante da immortalare con il cellulare. Solo che in questo caso l’ostacolo non è uno scalino ma una persona, un senzatetto addormentato sotto un portico. Accade nel centro storico di Bologna. Un filmato, pubblicato da una residente su Facebook, mostra infatti un gruppo di giovani impegnati a saltare a turno un clochard, steso immobile davanti a una saracinesca abbassata. “Per loro è una cosa talmente figa che si riprendono anche mentre saltano quel senzatetto – ha commentato la giovane, che quella sera ha anche allertato le forze dell’ordine –  Non ho parole, solo rabbia”. Il video, che risale al 16 aprile, è stato rilanciato dalla stampa locale e sta facendo il giro del web, scatenando una pioggia di commenti negativi e indignati. Ma non sembra riferirsi a un episodio isolato. Basta fare una ricerca su Youtube per capire come “il salto del barbone” sia una sorta di moda tra gli adolescenti

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

25 Aprile, i 10 luoghi della Resistenza dove cantare “Bella Ciao”

next
Articolo Successivo

Trieste, due salme con lo stesso cognome all’obitorio: cremata quella sbagliata

next