A poche ore dal referendum di oggi sulle trivelle in mare, Eni – direttamente interessata, essendo una compagnia petrolifera – ha inviato questa e-mail a molti utenti, tra i quali me (anche non iscritti alla sua newsletter).

Ciò che vediamo in questa mail è il tentativo di Eni di farci innamorare delle piattaforme in mare. Attraverso una strategia di comunicazione basata su uno storytelling emozionale inserisce le piattaforme petrolifere all’interno di storie di benessere, avventura, cultura, turismo e buon cibo.

In questo video vi spiego tutti i dettagli.

Conoscere le tecniche di comunicazione utilizzate dalle corporation e da chi ci governa crea i nostri anticorpi: ci permette di individuarle al momento opportuno e quindi di difendercene.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

Enigate

di Claudio Gatti 15€ Acquista
Articolo Precedente

Tra Mediaset e Vivendi a perdere è l’Italia

next
Articolo Successivo

M5s, Grillo contro il direttore de L’Unità: “Bufalaro chieda scusa a Virginia Raggi”

next