A poche ore dal referendum di oggi sulle trivelle in mare, Eni – direttamente interessata, essendo una compagnia petrolifera – ha inviato questa e-mail a molti utenti, tra i quali me (anche non iscritti alla sua newsletter).

Ciò che vediamo in questa mail è il tentativo di Eni di farci innamorare delle piattaforme in mare. Attraverso una strategia di comunicazione basata su uno storytelling emozionale inserisce le piattaforme petrolifere all’interno di storie di benessere, avventura, cultura, turismo e buon cibo.

In questo video vi spiego tutti i dettagli.

Conoscere le tecniche di comunicazione utilizzate dalle corporation e da chi ci governa crea i nostri anticorpi: ci permette di individuarle al momento opportuno e quindi di difendercene.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tra Mediaset e Vivendi a perdere è l’Italia

prev
Articolo Successivo

M5s, Grillo contro il direttore de L’Unità: “Bufalaro chieda scusa a Virginia Raggi”

next