Più di duemila chilometri con un pieno: il sogno di qualsiasi automobilista. Che puntualmente diventa incubo quando si è costretti a fermarsi e fare il pieno, ben lontani da quel traguardo. Non così, però, per chi ha il pallino dell’hypermiling, ovvero di chi guida avendo come obiettivo la minimizzazione estrema dei consumi, anche nel traffico quotidiano.

Esistono anche delle community, dove i cosiddetti hypermiler si incontrano e si scambiano trucchi e consigli. Felix Egolf, uno di loro, è un ex pilota di airbus e ha appena compiuto l’impresa di cui sopra: guidare dalle Alpi fino al Mare del Nord, ben 2.111 chilometri, con un solo pieno.

Il tutto, consumando in media solo 3,46 litri di gasolio ogni cento chilometri. Cioè il 10% in meno rispetto a quanto dichiarato dalla casa costruttrice, che nella fattispecie è la Opel visto che la vettura (di serie) utilizzata è una Insignia 1.6 CDTI da 136 nella versione ecoFlex, che tuttavia nel ciclo misto è accreditata di consumi che a seconda degli allestimenti oscillano tra 4,8 e 4,9 litri ogni 100 chilometri, e di emissioni comprese tra 99 e 104 g/km di anidride carbonica.

Egolf ha guidato da Lucerna a Russelsheim, quartier generale dell’azienda tedesca, dopo aver attraversato la Foresta Nera. Quindi ha puntato verso Münster e Oldenburg per giungere fino a Cuxhaven sulla costa del Mare del Nord. Al ritorno è passato per Hannover, Kassel e San Gallo prima di concludere la sua impresa a Zurigo dopo due giorni. “Il mio viaggio dimostra che chiunque abbia uno stile di guida molto attento può facilmente raggiungere, se non addirittura superare, i dati ufficiali sui consumi. Chiunque può diventare un hypermiler,” ha dichiarato. I suoi trucchi, però, non li ha rivelati.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

John Elkann: ma quali nuove tecnologie, meglio un bel matrimonio all’antica

prev
Articolo Successivo

Jeep Renegade, comincia la produzione anche in Cina

next