“Prima facevo un altro lavoro e perdevo molto tempo ad andare in ufficio. Ho sempre chiesto di poter operare da casa: sapevo che così avrei risparmiato tempo ed energie e sarei anche stata molto più produttiva, lavorando per obiettivi e senza dover timbrare il cartellino”. Marinella Scarico è responsabile del sito Piùturismo, portale nato dall’incubatore Green geek, tutto dedicato all’ecoturismo e gestito attraverso un’organizzazione dei compiti in remoto. Ad animarlo è un gruppo di lavoro ‘in rosa’, formatosi attraverso il networking. Imprenditrici under 40 che hanno contribuito a finanziare la società e che non hanno nessuna nostalgia della scrivania. “Ognuna aveva il proprio background e il proprio progetto. Eravamo consapevoli però, di non riuscire ad andare lontano singolarmente. Messe in rete e collaborando, invece, facciamo meglio”.

In tempi in cui sempre più aziende e l’amministrazione pubblica discutono di smart working hanno così deciso di unire le proprie forze e dar vita a un’impresa che gestisce il proprio lavoro esclusivamente attraverso la rete. “Se lavoriamo con clienti a distanza – dice Marinella – perché anche noi non possiamo gestire il nostro lavoro attraverso internet, senza incontrarci in una sede fisica?”. E così hanno dato via alla piattaforma, “che offre notizie, racconti, itinerari di viaggio e un’offerta di strutture ricettive, tutto green“. Uno “strumento di diffusione ed esaltazione delle specificità locali che si avvale anche del lavoro dei suoi collaboratori, per la maggior parte donne. Sulla pagina l’utente trova informazioni turistiche con la possibilità di creare il proprio itinerario di viaggio e allo stesso tempo le strutture da tutta Italia possono registrarsi in maniera gratuita e raccontare il proprio lato ecologico attraverso storie e immagini”.

Ma non solo: con il Wwf è stato creato un sistema di analisi che permette alle strutture, attraverso il protocollo green sul turismo responsabile dell’organizzazione, di misurare il proprio impatto ambientale. In soli sei mesi oltre 200 aziende sono passate sotto la lente della società. Così, si dà la possibilità in maniera gratuita a varie realtà turistiche da tutta Italia di far conoscere la propria realtà. Tutto via telelavoro. “Abbiamo una sede a Sesto San Giovanni dove abbiamo fatto alcune riunioni, ma siamo sparse in varie zone, da Milano alla Svizzera”, continua Marinella. E l’organizzazione si sviluppa di conseguenza: “Abbiamo un gruppo su Facebook sia per la parte soci che per la parte redazione. Ci sono dei progetti e ognuno collabora alla sua realizzazione, io coordino tutte le varie parti. Facciamo riunioni, pianifichiamo strategie e collaboriamo con operatori in Hangouts (sistema di messaggistica di Google che permette videochiamate e videoconferenze, ndr), attraverso Skype e con gruppi di lavoro sui social. La presenza di redattori in tutta Italia ci permette di dare supporto e consulenza alle aziende a basso costo, senza far viaggiare le persone e quindi con minor impatto ambientale”.

Un modello che funziona: “I vantaggi sono tanti. Non solo si riducono i tempi di spostamento, ma si risparmia anche sul costo della sede. Oltre il fatto che si riesce a lavorare da ogni luogo in cui ci si trovi, una questione non indifferente per chi come me adora viaggiare”. E la flessibilità del progetto le ha aiutate anche nella gestione della vita di tutti i giorni: “C’è un grande risparmio di tempo – spiega Livia, responsabile della sezione benessere del portale e mamma single di una bambina –. Non è che lavori meno, semplicemente, non devo più adeguare la mia vita familiare a degli orari imposti, ma sono loro che si modulano sulle mie esigenze”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sulla ciarlataneria

prev
Articolo Successivo

Dallo zaino da montagna alle pentole, a Bologna una biblioteca per condividere gli oggetti (gratis)

next