Assolti perché il fatto non sussiste. Il tribunale di Roma ha fatto cadere tutte le accuse a carico di 9 tra imprenditori e ex funzionari del ministero delle Politiche agricole. Tra questi Giuseppe Ambrosio, soprannominato Centurione e già capo di gabinetto del ministero ai tempi di Luca Zaia e Giancarlo Galan. Quasi quattro anni fa dirigenti ministeriali e imprneditori erano stati coinvolti in un’inchiesta per un presunto giro di corruzione legato ad alcuni appalti che aveva portato anche a 11 arresti.

Il pm aveva chiesto condanne da 3 a 9 anni di reclusione per Ambrosio, per la moglie Stefania Ricciardi e ancora per Michele Mariani, Alfredo Bernardini, l’imprenditrice Claudia Maria Golinelli, il direttore generale di Buonitalia Spa (partecipata dal ministero) Ludovico Gay, Oliviero Sorbini, Luigi Cadorna e Francesco Saverio Abate. Nell’inchiesta erano finiti 37 indagati, 7 di questi sono finiti a processo con rito immediato dopo aver passato 4 mesi in carcere. Ma ora le accuse sono tutte cadute. “Ho trascorso 120 giorni in carcere, ho perso il lavoro – ha detto al Messaggero Gay – Ora almeno mi hanno restituito la dignità”.

In particolare gli imputati dovevano rispondere, a seconda delle varie posizioni, di differenti capi d’accusa tra cui corruzione per atti contrari ai doveri d’ufficio, turbata libertà degli incanti e turbata libertà nella scelta del contraente. Secondo l’accusa, i funzionari ministeriali avrebbero agevolato la concessione di contributi pubblici, contratti ed altro ad imprenditori in cambio di vacanze, oggetti d’arredamento ed altro.

Gli avvocati degli ex manager pubblici, Matteo e Michelangelo Melandri, Elisabetta Forlani e Armando Macrillò hanno espresso piena soddisfazione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giustizia, Legnini (Csm) invoca ancora nuove regole sulle intercettazioni

next
Articolo Successivo

Marco Di Stefano, a giudizio deputato Pd: “Abuso d’ufficio, truffa e falso”

next