Il grido d’aiuto non è rimasto inascoltato: il castello di Canossa, che a causa dei tagli a inizio anno rischiava la chiusura, verrà salvato dalla Regione Emilia Romagna, che stanzierà quasi 300mila euro per la riqualificazione del sito e per fermare il dissesto idrogeologico, in attesa che intervenga lo Stato. A minacciare l’antica fortezza della contessa Matilde dove nel 1077 l’imperatore Enrico IV si umiliò davanti a papa Gregorio VII per ottenere il suo perdono, l’erosione del terreno – che tra frane e smottamenti compromette la tenuta del monumento – e un cambio di gestione dovuto alla scomparsa delle province con il nuovo anno. Un pericolo scampato, visto che delle risorse regionali, 15mila euro serviranno proprio a prorogare il contratto con la cooperativa che si occupava di biglietteria e visite guidate almeno fino all’estate, quando Canossa passerà sotto la direzione statale. Gli altri fondi serviranno a valorizzare l’area e a salvare dall’avanzata dei calanchi il maniero che ogni anno attira 20mila visitatori da tutta Europa. La Regione inoltre ha preso contatti con il ministero dei Beni culturali, che si è impegnato a inserire Canossa nei 15 siti di interesse nazionale che saranno gestiti da Roma. “Siamo contenti, perché il nostro comune è piccolo – commenta il sindaco Luca Bolondi, che per primo aveva lanciato l’allarme – Dal nostro bilancio non riusciamo a tirare fuori tutte le risorse che servirebbero”.

L’idea della Regione ora però è quella di cercare di risollevare anche tutta l’area matildica. Perché se Canossa è salva e continuerà a essere un’attrattiva turistica, lo stesso non si può dire dell’intero patrimonio fatto di rocche, torri e fortificazioni nel Reggiano. A Carpineti, per esempio, il contratto per la gestione della pieve di San Vitale e del castello è scaduto come quello di Canossa e ora i monumenti sono chiusi, anche se l’amministrazione ha garantito che riapriranno per la stagione estiva.

Sparsi tra l’Appennino reggiano e la via Emilia poi ci sono altri gioielli matildici, come il castello di Rossena e la torre di Rossenella, il castello di Bianello e quello di Sarzano, tutti a gestioni miste e aperture più o meno a singhiozzo, con privati o enti locali come proprietari che lottano per trovare risorse per mantenere gli edifici e renderli accessibili ai turisti. “In questo momento di crisi è d’obbligo ragionare sul tema del turismo per sfruttarlo fino in fondo – continua Bolondi – Speriamo che questa presa di coscienza sull’importanza di Canossa serva anche a fare un discorso di rete sul territorio, a creare percorsi tematici e richiamare visitatori”.

Un intento che i comuni reggiani finora non sono riusciti a portare avanti, a differenza delle province vicine, dove fortezze e residenze storiche sono riunite nell’associazione Castelli del Ducato di Parma e Piacenza, con un marchio in grado di richiamare complessivamente

che ora punta a competere perfino con i castelli della Loira o le ville palladiane venete, con un progetto in cui è coinvolta anche la Regione. “Il nostro modello funziona e non ha costi eccessivi – spiega a ilfattoquotidiano.it Domenico Altieri, sindaco di Fontanellato e vicepresidente dell’associazione – Abbiamo una card per sconti e facilitazioni, e un programma di iniziative comuni, che comprendono anche la gestione e la promozione, in collaborazione con enti e aziende locali. I benefici arrivano a tutto il territorio, perché abbiamo calcolato che in media un turista spende 75 euro nelle zone che visita”.

Una possibilità per i siti matildici potrebbe essere proprio quella di diventare il terzo fulcro provinciale dei Castelli del Ducato, che esiste già dal 1999, per potere arrivare a un sistema di castelli emiliani in grado di rappresentare l’Emilia Romagna anche all’estero. Al tempo della fondazione Reggio Emilia non era entrata nel circuito, ma ora i tempi potrebbero essere maturi per unirsi a Parma e Piacenza. “Mantenere e rendere attrattivi castelli e residenze storiche richiede risorse e impegno – ha confermato Altieri – Noi vogliamo puntare all’area vasta perché abbiamo visto che insieme i risultati si possono ottenere, e nel sistema dei Castelli del Ducato potrebbero sicuramente rientrare anche quelli matildici: sarebbe un arricchimento per tutti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano, nasce Mare culturale urbano. Dal 15 al 20 marzo si presenta alla città

next
Articolo Successivo

L’I King, oracolo o testo filosofico?

next