Quattro ore di udienza a San Pietro per il processo Vatileaks 2. Oggi era il turno dell’interrogatorio di Lucio Vallejo Balda, imputato per la fuga di notizie coperte da segreto di Stato. “C’era un clima teso tra gli imputati, tra Balda e la Chaouqui. Domani ci sarà il controinterrogatorio degli altri avvocati, non so quando verremo sentiti noi giornalisti, non ci hanno fornito un calendario ad ora”, spiega Emanuele Fittipaldi, giornalista e autore del libro ‘Avarizia‘, imputato nel processo per aver divulgato notizie rilevanti per la sicurezza della Città del Vaticano. “Balda ha ammesso la fuga di notizie come già sapevamo, che per quanto mi riguarda contribuiscono solo a sei pagine del mio libro. Ha parlato di pressioni psicologiche e questo mi ha fatto sorridere. Non è successo nulla di eclatante, vedremo come andrà a finire questo processo kafkiano”. Invece Francesca Chaouqui, dopo l’ingresso plateale con due valigie blindate contenenti documenti segreti, esce dalla Città del Vaticano in macchina per evitare i cronisti

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Casa abusiva? No, solo la scala per entrarci. Giudici ordinano demolizione, il caso finisce dal ministro

prev
Articolo Successivo

Vatileaks 2, Balda: “Chaouqui mi disse ‘Chiediamo aiuto alla mafia’. Ho passato documenti ai giornalisti, ero pressato”

next