“La morte non guarda in faccia nessuno”, così dice Maurizio.

Certe banalità vanno dette e ripetute, nelle banalità la verità si trova a proprio agio. Mio fratello Roberto, oltre a scrivere libri sull’anarchia, i fumetti e i partigiani, ha fatto per otto anni l’educatore, in sostanza ha fatto compagnia ad alcune persone che vengono chiamate disabili.

Anche io sono disabile in tantissime cose, quindi mi trovo bene con i disabili. Grazie al lavoro di Robi ho potuto fare molti film che hanno i disabili come protagonisti, questo è uno di quei film. Uno dei miei preferiti.

Aforisma del giorno:
Sono talmente anarchico che rifiuto persino di avere uno “stato” d’animo.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cercasi fibra disperatamente

next
Articolo Successivo

Individualismo, il trionfo degli idioti

next