“La morte non guarda in faccia nessuno”, così dice Maurizio.

Certe banalità vanno dette e ripetute, nelle banalità la verità si trova a proprio agio. Mio fratello Roberto, oltre a scrivere libri sull’anarchia, i fumetti e i partigiani, ha fatto per otto anni l’educatore, in sostanza ha fatto compagnia ad alcune persone che vengono chiamate disabili.

Anche io sono disabile in tantissime cose, quindi mi trovo bene con i disabili. Grazie al lavoro di Robi ho potuto fare molti film che hanno i disabili come protagonisti, questo è uno di quei film. Uno dei miei preferiti.

Aforisma del giorno:
Sono talmente anarchico che rifiuto persino di avere uno “stato” d’animo.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cercasi fibra disperatamente

prev
Articolo Successivo

Individualismo, il trionfo degli idioti

next