La pagina Facebook di Lercio.it, il sito satirico fondato nel 2012, è stata bloccata per circa 24 ore dagli admin del social network. Secondo quanto scritto sulla pagina, a provocare la chiusura sarebbe stato un articolo satirico sul tema dei preti pedofili. L’annuncio è stato dato da un post ironico nel quale si legge: “Cari amici lerci, l’articolo pubblicato ieri mattina ha provocato il blocco della nostra pagina fino a pochi minuti fa. Non sappiamo perché sia successo, probabilmente abbiamo violato qualche standard della comunità: il titolo conteneva la parola ‘Bergamo’”. Il pezzo in questione è visibile sul sito, mentre sulla pagina Facebook le pubblicazioni si interrompono alle 9.43 del 1 marzo per riprendere nel primo pomeriggio di oggi.

Il sito Lercio.it, nato da un’idea di Michele Incollu, è cresciuto notevolmente negli ultimi anni, aumentando la produzione di satira che va dalla politica alla religione, grazie anche a una folta schiera di collaboratori. Nel 2014  ha vinto il Macchianera Italian Award come “Miglior Sito”, vittoria replicata nel 2015 quando è stato insignito anche del Premio Internazionale Satira Politica Forte dei Marmi. Spesso i post pubblicati sulla pagina Facebook vengono presi per veritieri dagli utenti ma anche da personaggi politici.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Facebook, Cassazione: “Insultare in bacheca è diffamazione aggravata”

prev
Articolo Successivo

Cloud, la Nuvola di Enter: un’azienda di Milano tra le più grandi in Europa

next