La pagina Facebook di Lercio.it, il sito satirico fondato nel 2012, è stata bloccata per circa 24 ore dagli admin del social network. Secondo quanto scritto sulla pagina, a provocare la chiusura sarebbe stato un articolo satirico sul tema dei preti pedofili. L’annuncio è stato dato da un post ironico nel quale si legge: “Cari amici lerci, l’articolo pubblicato ieri mattina ha provocato il blocco della nostra pagina fino a pochi minuti fa. Non sappiamo perché sia successo, probabilmente abbiamo violato qualche standard della comunità: il titolo conteneva la parola ‘Bergamo’”. Il pezzo in questione è visibile sul sito, mentre sulla pagina Facebook le pubblicazioni si interrompono alle 9.43 del 1 marzo per riprendere nel primo pomeriggio di oggi.

Il sito Lercio.it, nato da un’idea di Michele Incollu, è cresciuto notevolmente negli ultimi anni, aumentando la produzione di satira che va dalla politica alla religione, grazie anche a una folta schiera di collaboratori. Nel 2014  ha vinto il Macchianera Italian Award come “Miglior Sito”, vittoria replicata nel 2015 quando è stato insignito anche del Premio Internazionale Satira Politica Forte dei Marmi. Spesso i post pubblicati sulla pagina Facebook vengono presi per veritieri dagli utenti ma anche da personaggi politici.

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Facebook, Cassazione: “Insultare in bacheca è diffamazione aggravata”

next
Articolo Successivo

Cloud, la Nuvola di Enter: un’azienda di Milano tra le più grandi in Europa

next