Infiltrazioni camorristiche negli affari romagnoli. Un’indagine avviata dai carabinieri di Rimini nel febbraio 2013, denominata Idra, ha portato all’arresto di 6 persone per associazione a delinquere finalizzata all’estorsione, usura, bancarotta fraudolenta, truffa, riciclaggio, trasferimento fraudolento di valori e intestazione fittizia di beni altrui. Altre 3 persone sono state sottoposte a obbligo di firma, mentre altre 11 sono state denunciate a piede libero.

Secondo gli inquirenti gli affiliati all’associazione a delinquere, tutti italiani e residenti in Romagna, avevano rapporti con i clan camorristici di Napoli che si occupavano, tra l’altro, anche di riciclare il denaro frutto degli affari illeciti. Nel corso del blitz, che ha impiegato 50 militari, sono state sequestrate anche 4 società intestate a prestanome, per le quali si sta procedendo a sequestro e confisca, estesa anche a beni mobili ed immobili.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

‘Ndrangheta in Lombardia: prima socio e poi vittima. “Incendi e minacce di morte”, alla fine la scelta di denunciare

prev
Articolo Successivo

‘Ndrangheta, disse a deputata M5s: “Non puoi nominare Grande Aracri”. A processo

next