La nuova generazione di Opel Astra si è aggiudicata il titolo di Auto dell’Anno 2016. Prima dell’apertura ufficiale del salone di Ginevra (in programma dal 3 al 16 marzo) e alla vigilia della prima giornata riservata alla stampa, la giuria specializzata composta da 58 giornalisti dell’auto provenienti da 22 paesi ha voluto premiare la media compatta della casa di Russelsheim, a cui sono stati assegnati 309 punti.

A ritirare il trofeo, consegnato dal presidente della giuria Hakan Matson, c’era l’amministratore delegato di Opel Group e numero uno della General Motors in Europa Karl-Thomas Neumann, che si è detto onorato per la vittoria, precisando che “l’Astra rappresenta l’inizio di una nuova epoca e questa vittoria dimostra che siamo sulla strada giusta”. Una strada che sta riportando la divisione europea della GM agli utili dopo anni di difficoltà finanziarie, che avevano spinto GM a considerare anche l’ipotesi di una cessione di Opel. Eventualità poi scongiurata.

Figlia del “new deal” della casa tedesca, l’Astra (qui la prova su strada de Il Fatto.it), insieme alla sua versione wagon Sports Tourer, può contare su una piattaforma costruttiva nuova che l’ha resa più leggera, con motori benzina e diesel di ultima generazione. Anche la tecnologia è ai massimi livelli, garantita dall’interfaccia con il proprio smartphone e soprattutto dal sistema di connettività e assistenza OnStar, da tempo implementato con successo negli Usa e arrivato ora anche in Europa.

Sul podio, insieme all’Astra, ci sono la Volvo XC90 con 294 punti e la Mazda MX-5 con 202 punti. Questa è, infine, la quinta vittoria per Opel nella competizione continentale: la prima era arrivata nel 1985 con la Kadett E, mentre due anni dopo toccò alla Omega A. In tempi più recenti il premio più ambito è poi andato alla Insignia (2009) e Ampera (2012).

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Salone di Ginevra 2016, guida pratica: date, orari, prezzi, biglietti e percorsi

prev
Articolo Successivo

Maserati Levante, la produzione del suv di lusso è al via ma a Mirafiori FCA propone “dimissioni incentivate”

next