Sul suo profilo Instagram @MsKatieMay aveva 1 milione e 900.ooo seguaci, su Snapchat e su Facebook era una delle modelle più seguite, con migliaia di like per ogni immagine. Katie May era un fenomeno dei social network, e sulla notorietà creata sul web aveva saputo costruire una solidissima carriera. Nota come “la Regina di Snapchat”, con i suoi occhi blu e il suo fisico mozzafiato posava per dozzine di siti web e di riviste patinate, da Sports Illustrated a Playboy.

La modella è scomparsa nella notte di giovedì 4 febbraio, a causa delle conseguenze di un infarto, lasciando a soli trentaquattro anni una pletora di ammiratori in lutto. Già affetta da problemi cardiaci, la bellissima musa di Playboy era stata ricoverata già lunedì in seguito a un’occlusione della carotide.

Drammatiche le circostanze della morte, come si apprende dai siti statunitensi. Tmz riporta infatti che la notizia della malattia della May è stata diffusa dalla stessa modella, che nei mesi scorsi aveva creato un sito di crowfunding per reperire fondi utili a sostenere la sua bambina di 7 anni dopo che lei sarebbe venuta a mancare.

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Padre Pio in tour a Roma, tra hashtag e ironia la figura del santo spopola su Twitter: “Don’t cry for me Pietrelcina”

next
Articolo Successivo

Torino, azienda trasporti rifiuta la pubblicità di una pièce teatrale. “La merda potrebbe offendere”

next