I motori della MotoGp si riaccendono nei tre giorni di test 2016 sul circuito di Sepang, in Malesia, che si concluderanno mercoledì 3 febbraio. Nella prima giornata, il protagonista assoluto è stato il campione del Mondo in carica Jorge Lorenzo. Il pilota maiorchino ha realizzato il miglior giro con 2:00.684, davanti al compagno di scuderia della Yamaha Valentino Rossi  staccato di un secondo a 2:01.717. “È stato tutto facile – ha detto il campione della MotoGp 2015 -. Sono sorpreso di essere stato subito così veloce e in fiducia con le Michelin. Anche l’elettronica è migliorata molto da Valencia: riesco a spingere forte in accelerazione come non mi riusciva con le Bridgestone“.

“Il divario con Lorenzo è ampio, ma è anche vero che lui è stato il più forte di tutti, perciò è riuscito ad avere subito un ritmo migliore – ha sottolineato il Dottore commentando questa giornata di test ai microfoni di Sky Sport-. D’altronde la mia posizione non era così male, abbiamo lavorato molto sulla moto. E’ solo il primo giorno e un’analisi finale andrà fatta alla fine del terzo, ma abbiamo molto lavoro da fare. Sono abbastanza contento perché l’elettronica funziona bene”.

Dietro i due piloti Yamaha si è piazzato Dani Pedrosa, con la Honda. Quarto Danilo Petrucci su Ducati, a +1.127 secondi da Lorenzo. Il ducatista ha preceduto il connazionale Andrea Iannone, pilota ufficiale della scuderia di Borgo Panigale. Con il sesto e settimo tempo rispettivamente Hector Barbera sempre su Ducati e Marc Marquez con la Honda, quest’ultimo staccato a un secondo e mezzo da Lorenzo. Non benissimo l’altro motociclista italiano del Team Ducati, Andrea Dovizioso, che ha segnato il tredicesimo tempo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nuova Yamaha M1 2016, Rossi e Lorenzo fredda stretta di mano a presentazione. Vale: “Da lui mancanza di rispetto”

next
Articolo Successivo

MotoGp, Valentino Rossi: “Marquez mi ha tradito. E’ arrivato dicendo di essere mio tifoso, ma erano tutte cagate”

next