I motori della MotoGp si riaccendono nei tre giorni di test 2016 sul circuito di Sepang, in Malesia, che si concluderanno mercoledì 3 febbraio. Nella prima giornata, il protagonista assoluto è stato il campione del Mondo in carica Jorge Lorenzo. Il pilota maiorchino ha realizzato il miglior giro con 2:00.684, davanti al compagno di scuderia della Yamaha Valentino Rossi  staccato di un secondo a 2:01.717. “È stato tutto facile – ha detto il campione della MotoGp 2015 -. Sono sorpreso di essere stato subito così veloce e in fiducia con le Michelin. Anche l’elettronica è migliorata molto da Valencia: riesco a spingere forte in accelerazione come non mi riusciva con le Bridgestone“.

“Il divario con Lorenzo è ampio, ma è anche vero che lui è stato il più forte di tutti, perciò è riuscito ad avere subito un ritmo migliore – ha sottolineato il Dottore commentando questa giornata di test ai microfoni di Sky Sport-. D’altronde la mia posizione non era così male, abbiamo lavorato molto sulla moto. E’ solo il primo giorno e un’analisi finale andrà fatta alla fine del terzo, ma abbiamo molto lavoro da fare. Sono abbastanza contento perché l’elettronica funziona bene”.

Dietro i due piloti Yamaha si è piazzato Dani Pedrosa, con la Honda. Quarto Danilo Petrucci su Ducati, a +1.127 secondi da Lorenzo. Il ducatista ha preceduto il connazionale Andrea Iannone, pilota ufficiale della scuderia di Borgo Panigale. Con il sesto e settimo tempo rispettivamente Hector Barbera sempre su Ducati e Marc Marquez con la Honda, quest’ultimo staccato a un secondo e mezzo da Lorenzo. Non benissimo l’altro motociclista italiano del Team Ducati, Andrea Dovizioso, che ha segnato il tredicesimo tempo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nuova Yamaha M1 2016, Rossi e Lorenzo fredda stretta di mano a presentazione. Vale: “Da lui mancanza di rispetto”

prev
Articolo Successivo

MotoGp, Valentino Rossi: “Marquez mi ha tradito. E’ arrivato dicendo di essere mio tifoso, ma erano tutte cagate”

next