Polemiche e l’ombra di un “biscottone” in salsa spagnola: un presunto accordo tra i piloti iberici per far vincere il mondiale a Jorge Lorenzo. E’ questo l’acceso dopo gara del Gp di Valencia. Ad avallare l’ipotesi sono proprio le parole del maiorchino neo campione del mondo: “Alla fine ho temuto di arrivare terzo e perdere il Mondiale perchè le Honda andavano veloci. Penso però che alla fine loro hanno avuto rispetto per me, anche per fare restare il Mondiale in Spagna. Non credo sarei riuscito a resistere con la gomma così distrutta”.

Valentino Rossi all’arrivo non ha nascosto la sua rabbia: “L’avevo capito già da giovedì che Lorenzo e Marquez mi avrebbero fatto il “biscottone”. Sono triste, perchè non me lo meritavo ma è andata così”. Il Dottore ha attaccato i piloti spagnoli: “Lorenzo dopo quello che ha detto in Malesia merita di essere trattato alla stregua di Marquez. Mi sarebbe piaciuto giocarmela ad armi pari con Lorenzo, non credo debba essere molto contento per come ha vinto”. Ma l’affondo più pesante del pilota italiano è per Marquez, definito il “guardiaspalle” del neo campione del mondo: “Dal Gp di Australia è successo qualcosa di strano con un comportamento di Marquez che è stato imbarazzante e bruttissimo.

Una cosa che non era mai successa prima. Già da lì ha iniziato a fare il guardiaspalla di Lorenzo e ho dovuto lottare con 2 piloti anche molto forti. L’unica cosa di cui sono contento è che tutti hanno visto oggi quale era il loro piano. Questo mi rende molto triste, il nostro sport ha fatto una figura bruttissima“. Marc Marquez dal canto suo, invece, ha raccontato di una gara normale e di un Lorenzo imprendibile: “Jorge ha spinto forte, io sono andato oltre i limiti. Ho cercato di spingere, poi però ho perso tempo nel finale con Pedrosa e a quel punto era troppo rischioso cercare di superare Lorenzo. L’anno prossimo proveremo a lottare di nuovo per il titolo”.

Lo spagnolo ha poi respinto al mittente le accuse di Rossi: “In Malesia è successo quello che è successo, ma io faccio sempre la mia gara. Dire che ho aiutato un altro pilota che non è mio compagno di squadra è una mancanza di rispetto”.  Già nei giorni successivi al Gp di Sepang si era ipotizzato di accordo tra i due spagnoli: era stato chiamato il “patto d’Andorra“. Ma l’entourage di Lorenzo aveva prontamente smentito la notizia. Nel frattempo in rete è comparso un video in cui a fine gara, Max Biaggi, rivale storico del Dottore, si complimenta con Lorenzo.