Ziti spezzati alla genovese – Chef Antonio D’Orso

Ingredienti per 4 persone:
500g di Ziti di Gragnano IGP Di Martino
1kg di carne di primo taglio (annecchia)
80g di lardo
50g di prosciutto crudo
100g di Parmigiano grattugiato
1 cucchiaino di concentrato di pomodoro
2dl di vino bianco secco
2 carote
1 costa di sedano
700g di cipolle ramate di Montoro
1 mazzetto aromatico
olio evo q.b.
sale e pepe q.b.

Procedimento:
Tritare finemente le cipolle e metterle da parte. Legare il pezzo di carne e metterlo in una casseruola con l’olio, il lardo, il pomodoro, il sale e il pepe. Dopo qualche minuto aggiungere le carote, il seda- no, il mazzetto di odori e il prosciutto tritati finemente. Coprire e lasciar rosolare a fuoco bassissimo, mescolando di tanto in tanto. Aggiungere quindi le cipolle e lasciar cuocere a fuoco lento per un paio d’ore, irrorando con un po’ di vino, finché la salsa non risulterà scura, lucida e densa. La carne potrà essere servita e mangiata a parte: risulterà molto tenera e buonissima. Una volta conclusa la prepara- zione della salsa genovese, spezzare gli ziti a mano e cuocerli in abbondante acqua salata, scolarli al dente, condirli con la salsa e ultimare la preparazione con una spolverata di Parmigiano grattugiato. Servire caldo.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

BUONO! Dove mangiano i grandi cuochi

di Francesco Priano e Luca Sommi 15€ Acquista
Articolo Precedente

L’ape fa le valigie e va in città: arriva il miele prodotto dalle api della Triennale di Milano

next
Articolo Successivo

Ivan e Sergey, i gemelli russi “alfieri della cucina pre sovietica”: “Portiamo in tavola la tradizione del nostro paese, rivisitandola”

next