Gnocchi napoletani ai peperoncini verdi – Chef Ferdinando D’Aiello

Ingredienti per 4 persone:
400g di Gnocchi napoletani di Gragnano IGP Di Martino
400g di peperoncini verdi
250g di pomodori datterini ricotta salata q.b.
2 spicchi d’aglio
10 foglie di basilico
olio evo q.b. sale e pepe macinato q.b.

Procedimento:
Lavare i peperoncini, tagliarli a metà e privarli dei semi interni e del picciolo. Versare l’olio in una padella e lasciarvi imbiondire l’aglio. Aggiungere i pomodorini tagliati a metà, poi i peperoncini e la- sciar cuocere a fuoco vivo per qualche minuto. Regolare di sale e pepe. Nel frattempo lessare la pasta, scolarla al dente e spadellarla insieme al condimento. Finire il piatto con l’aggiunta di ricotta salata grattugiata.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

BUONO! Dove mangiano i grandi cuochi

di Francesco Priano e Luca Sommi 15€ Acquista
Articolo Precedente

L’ape fa le valigie e va in città: arriva il miele prodotto dalle api della Triennale di Milano

next
Articolo Successivo

Ivan e Sergey, i gemelli russi “alfieri della cucina pre sovietica”: “Portiamo in tavola la tradizione del nostro paese, rivisitandola”

next