Quando aprì il fuoco nel Tribunale di Milano, Claudio Giardiello era parzialmente incapace di intendere e di volere. E’ quanto sostengono nella loro relazione i consulenti della difesa nell’inchiesta affidata alla Procura di Brescial’imprenditore che uccise 3 persone il 9 aprile 2015 nel palazzo di Giustizia di Milano, aveva una “grave riduzione della capacità di intendere e di volere” al momento del fatto.

“Relativamente alla capacità di intendere e di volere – scrivono gli esperti incaricati dalla difesa, Carlo Boscardini, Stefano Broetto e Maria Barrera – è possibile affermare che, fino all’epoca immediatamente precedente i fatti, il periziando era in grado di intendere e di volere, sia nella gestione della propria quotidianità, sia nei rapporti interpersonali”.

“La capacità di intendere e di volere – aggiungono – è progressivamente scemata nei giorni precedenti il fatto, raggiungendo il suo apice nel momento in cui, a seguito di un atteggiamento di eclatante rifiuto” di uno dei suoi avvocati di continuare ad assisterlo, “il periziando si è sentito per l’ennesima volta abbandonato e tradito”.

Sulla scorta della consulenza, è probabile che il difensore di Giardiello, Andrea Dondè, chieda al gup di Brescia il rito abbreviato subordinato a una perizia psichiatrica.

Il 9 aprile dello scorso anno Giardiello, 57 anni, immobiliarista, originario di Benevento, uccise a colpi di pistola tre persone e ne ferì altre due. L’uomo aprì il fuoco in un’aula al terzo piano, durante il suo processo uccidendo Loris Alberto Claris Appiani, il legale che aveva appena deciso di smettere di assisterlo, e Giorgio Erba, coimputato con lui nel processo in corso. Quindi Giardiello scese al secondo piano e sparò a un giudice nella sua stanza, uccidendolo: era Fernando Ciampi, magistrato della Seconda sezione fallimentare del Tribunale di Milano. Dopo essere rimasto a lungo all’interno del Palazzo Giustizia, Giardiello era riuscito a far perdere le sue tracce e a fuggire in moto per poi essere arrestato poco dopo dai carabinieri nella zona di Vimercate.

 

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

“Ashley Olsen ha aperto la porta al suo killer”. Si cerca cellulare della 35enne strangolata a Firenze

next
Articolo Successivo

Unioni civili, parroco dal pulpito: “Siamo governati da cretini, pensano sia priorità”

next