Come previsto è stato un tutto esaurito al Teatro di Regio di Torino per la prima del nuovo spettacolo di Roberto Bolle. Ma la sorpresa è stata la protesta degli sfrattati: 100 persone, tra adulti e bambini, hanno inscenato, davanti all’ingresso del teatro, un sit-in. Famiglie senza casa e alcuni attivisti dello Spazio popolare Neruda hanno chiesto di poter parlare al pubblico accorso per vedere il balletto. Bolle ha acconsentito e, scortata da Walter Vergnano, sovraintendente del Regio, una delegazione ha parlato dal palco: “Ci siamo stancati di tendere la mano per un tozzo di pane, oggi vogliamo riprenderci un po’ di visibilità” @cosimocaridi

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Emergenza smog: Roma e la sventura di avere una targa dispari oggi

prev
Articolo Successivo

Morta durante parto a Torino, indagine per omicidio colposo. Compagno: “Angela era a terra nella stanza”

next