A breve vedremo i dati completi del bilancio di Expo”. Lo assicura Giuseppe Sala, amministratore delegato di Expo e neo candidato alle primarie del centrosinistra per la scelta del candidato sindaco di Milano. Questa la risposta a chi gli chiede dati più trasparenti dopo la comunicazione da parte della società di un margine operativo lordo di 14,9 milioni  di euro che, però, non tiene conto di diverse voci di costo, tanto da non permettere di dire se Expo chiuderà l’anno in utile o in rosso. Il candidato sindaco di Italia Unica, Corrado Passera, nei giorni scorsi ha accusato Sala di non essere trasparente sui numeri. Anche Francesca Balzani, sfidante di Sala alle primarie e assessore milanese al Bilancio, ha fatto notare che “i conti si guardano non attraverso le parole, ma i numeri”. Balzani ha aggiunto con ironia di avere fiducia che entro pochi giorni Expo sarà in grado di dare dati completi. Sala a margine della presentazione della sua candidatura al teatro Franco Parenti garantisce che ciò avverrà. Ma perché sinora non è stato comunicato l’utile o l’eventuale rosso atteso per il 2015? Sala non risponde, meglio continuare a salutare i fan

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Civitanova Marche, ritrovato in un palazzo il corpo di un neonato

prev
Articolo Successivo

Salva banche: Luigino D’Angelo, vittima delle banche e del governo

next