Un passeggero trova dietro lo specchio del bagno una “scatola con un timer”. E’ sufficiente perché il volo Air France Mauritius-Parigi fosse dirottato per un atterraggio d’emergenza in Kenya. E perché, più tardi, le autorità kenyane la definissero “una bomba”, “già messa in sicurezza fuori dall’aeroporto”, nel frattempo chiuso per precauzione. Ma dopo alcune ore di indagini è emerso che la bomba era “finta”. All’interno non c’era esplosivo. Non una valigia dimenticata da un passeggero distratto, però. Bensì un contenitore con un timer in funzione. Cinque passeggeri sono stati arrestati, due dei quali sarebbero di fede musulmana. Gli interrogatori sono in corso.

C’è voluto poco, insomma, dopo il caso dell’aereo passeggeri russo esploso in volo di ritorno da Sharm-el-Sheik e gli attentati di Parigi del 13 novembre, per far ripiombare la Francia – anche se solo per poche ore – in un nuovo allarme terrorismo. A bordo dell’aereo, un Boeing 777, che nella notte tra sabato e domenica, si trovavano 459 passeggeri e 14 membri dell’equipaggio dall’isola dell’Oceano Indiano alla capitale francese. Dopo l’atterraggio d’emergenza tutti sono stati evacuati e l’aeroporto di Mombasa è stato chiuso al traffico. I passeggeri sono stati interrogati. Secondo France Info la “finta bomba” è “un oggetto fittizio costituito da diversi oggetti ripartiti in piccoli sacchetti portati da due persone della stessa famiglia che erano salite a bordo dell’aereo”. La bomba finta è attualmente allo studio della polizia keniota. “Non è stato trovato nessun esplosivo”, ha confermato un funzionario. Il contenitore “era fatto con un foglio di cartone e un timer, simile a quelli che si usano in cucina”, ha spiegato in una conferenza stampa l’amministratore delegato della compagnia Frederic Gagey.che ha definito l’episodio “un atto molto aggressivo nei nostri confronti”. Sull’Isola Mauritius verranno rafforzati i controlli all’imbarco.

Nelle ultime settimane sono tre gli aerei dell’Air France costretti a deviazioni o ad atterraggi d’emergenza nelle ultime settimane. Due aerei in volo dagli Stati Uniti alla Francia erano stati deviati per un’allarme bomba il 18 novembre, a soli cinque giorni dalle stragi di Parigi. Su nessuno dei due fu poi trovato un ordigno.

We confirm of an emergency landing by Air France’s flight from Mauritius at Moi Int’l Airport this morning after reports…

Posted by Kenya Airports Authority on Domenica 20 dicembre 2015

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Francia: gli effetti inquietanti dello stato d’emergenza

prev
Articolo Successivo

Cronache dal Niger – Gli elefanti di carta del Sahel

next